Sciopero taxi Milano 20 marzo 2014, dall’immobilismo del Comune, al corteo in Prefettura

taxiNon si fermano le proteste dei tassisti milanesi, che nella giornata di giovedì 20 marzo 2014 hanno dato il via ad un nuovo sciopero, attivo dalle 8 alle 22.

 

LE PROMESSE DEL COMUNE – Al centro della protesta, ancora, la concorrenza del servizio Uber, argomento già affrontato con il Comune di Milano ma, rispetto al quale, alle nuove promesse di Palazzo Marino non sono seguiti fatti concretamente risolutivi.

– Durante l’ultimo incontro con i sindacati di categoria e i rappresentanti del Comune, infatti, gli assessori alla Mobilità di Milano, Pier Francesco Maran, e alla sicurezza, Marco Granelli, si erano accordati con il seguente impegno:

– più controlli sulle irregolarità nei servizi di Ncc, anche in orari serali, per contrastare soprattutto l’esercizio abusivo dell’attività,

– un “filo diretto” per le segnalazioni fra le centrali dei taxi e quella della polizia locale,

– nuove postazioni per le auto bianche.

– intese per arrivare a una rapida soluzione giuridica che possa soddisfare tutte le esigenze e vada nella direzione già indicata nell’ordinanza dello scorso anno e poi sospesa dal Tar.

– Dalla loro, i sindacati avevano annunciato una fase di controllo per le successive due settimane: “Abbiamo accolto l’invito della commissione di garanzia – aveva sottolineato Raffaele Grassi del Satam, – ma lo stato di agitazione prosegue. Cogliamo l’occasione del rinvio per verificare sul campo se il Comune mettera’ subito in atto quello che ha promesso. Il documento dei due assessori resta per i tassisti solo un testo ‘base’, sicuramente da integrare”.

– Per l’approfondimento su richieste/promesse tra tassisti/Comune di Milano, CLICCA QUI

 

IL CORTEO VERSO LA PREFETTURA – Ora, giunti al 20 marzo, le auto bianche sono ferme in piazza San Babila, nel parcheggio delle auto pubbliche, dove hanno formato un corteo che si muoverà alla volta della Prefettura.

– Rispetto alla nuova iniziativa, Raffaele Grassi di Satam-Cna ha spiegato: “Oggi andremo in corteo fino in Prefettura perché è l’istituzione che rappresenta il governo, ed é giusto che sia il governo ad affrontare il problema della concorrenza di soggetti abusivi”.

 

L’OMBRA DI EXPO – Secondo Grassi, infatti, si tratterebbe di “un fenomeno che preoccupa anche in vista di Expo, se non ci sarà un controllo ferreo”.

– “In vista di Expo – ha concluso il rappresentante del sindacato dei tassisti –, possiamo dire che il parco taxi è adeguato, ma per operare bene bisognerà migliorare le condizioni di mobilità”.

 

————

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro. 

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here