Questione movida Milano, oggi la discussione in Consiglio comunale, emendamenti anche da Sel e Pd

Franco d'AlfonsoUn weekend difficile, che proprio nelle zone della movida milanese ha visto in azione le Forze dell’Ordine, in presidio contro spaccio, abuso di alcol e reati predatori. Risultato: 14 persone arrestate per spaccio, sequestrate 218 dosi tra marijuana, hashish e cocaina (nella foto, l’Assessore al Commercio di Milano, Franco d’Alfonso, ndr).

 

In tale contesto è scoppiata la questione “movida”, che non manca di spaccare le posizioni in Consiglio comunale, e non solo.

 

Se, infatti, molti commercianti si sono detti sollevati dalla conclusione dell’ordinanza e dei connessi controlli quotidiani, sul piede di guerra invece i residenti, determinati a difendere il proprio diritto alla quiete e al silenzio notturno.

 

Tra gli schieramenti politici, l’opposizione si rende conto della necessità di mettere il prima possibile un punto alla questione, dicendosi pronta a ritirare i 40 emendamenti alla proposta, purché vengano accettati 3 punti fondamentali.

 

In questo senso, la posizione è di Forza Italia, che attraverso il capogruppo Fabrizio De Pasquale si dice pronta ad approvare i (seppur contestati e contestabili) punteggi introdotti dalla maggioranza per chi voglia aprire un’attività, a seconda della zona, a patto che:

– i vigili presidino costantemente le zone della movida;

– il Comune si doti di fonometri, invece di chiederli in prestito all’Arpa;

– i piccoli bar che vendono alcolici da consumare in strada non possano tenere aperto dopo la mezzanotte».

 

Anche il Pd non ha risparmiato la presentazione di emendamenti, cercando di premiare locali con aree per fumatori, parcheggi convenzionati e fasciatoi per bambini.

 

Critico anche Sel, che sostiene la necessità di focalizzarsi sulla qualità delle nuove attività commerciali, al fine di “mettere a valore quelle aree che rendono attrattiva la città e sono luoghi di incontro e cultura per molti giovani”.

 

In tutto ciò, tra problemi di sicurezza e residenti in rivolta, si aggiunge la questione Piazza Castello, dove non si ferma la protesta per l’assedio di bancarelle nella zona abitativa del quartiere. Anche durante questo weekend, infatti, non è mancata musica a tutto volume fino alle ore piccole, mentre sporcizia e degrado continuano a proliferare sulle aiuole, sui marciapiedi e in tutta l’area.

 

In questo senso, i residenti esprimono preoccupazione ancora maggiore per l’inizio ormai imminente dei maxischermi che il Comune allestirà durante i mondiali: “l’Italia giocherà a mezzanotte, e alcune partite saranno trasmesse in diretta alle 2 del mattino – spiegano alcuni residenti. – Com’è possibile che il Comune non abbia pensato ai diritti di chi vive qui?”.

 

“La partita”, quindi, rimane aperta.

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Degrado via Valtellina Milano, il nuovo servizio di CronacaMilano tra movida, rom e senzatetto

Valorizzazione piazza Castello Milano con pedonalizzazione e bancarelle. Le foto: vedere per credere

Degrado piazza Castello Milano, foto di aiuole usate come marciapiedi e marciapiedi come orinatoi

Parcheggiatori abusivi via Valtellina Milano, un lettore: “Ora hanno anche un tariffario.. e la Polizia Locale non risponde nemmeno al telefono”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here