Inaugurazione centro accoglienza profughi “Casa Surayà”, commenti di politici e istituzioni

City AngelsLo hanno chiamato “Surayà”, come la piccola siriana nata a Milano il 7 maggio scorso da una coppia di profughi. Il centro accoglienza di via Padre Salerio 51, voluto dalla cooperativa “Farsi prossimo” e aperto con il sostegno di Caritas, ha già un mese e mezzo di vita, ma è stato inaugurato, di fatto, solo venerdì pomeriggio. Ricavato all’interno di un’ala rimessa a nuovo di un edificio di proprietà delle suore della riparazione di Milano, la struttura ospita al suo interno circa cento siriani fuggiti dalla guerra civile.

 

IN FUGA DALLA GUERRA CIVILE: LA TESTIMONIANZA  – Si tratta, perlopiù, di nuclei familiari con figli a carico (circa 40), in molti casi anche molto piccoli, bisognosi di assistenza e cure sanitarie. Hanno alle spalle numerosi giorni di viaggio, effettuati a bordo di mezzi di fortuna, spesso pagando cifre spropositate.

– “Siamo partiti dall’Egitto pagando 2.500 dollari a testa – ha raccontato una donna siriana durante l’inaugurazione -. Ci hanno detto che in gommone saremmo stati 150 invece eravamo 600”.

– Dima, 25 anni, è originaria di Damasco. A Milano è arrivata con il figlioletto di appena 1 anno ed è incinta di due mesi. “Tre persone sono morte nei dieci giorni di viaggio – prosegue – e anche io mi sono ammalata”. Dima, come molti suoi connazionali, è fuggita dalle bombe e dai numerosi sequestri che stanno mettendo a ferro e fuoco il Paese. E una volta giunta nella nostra città, “abbiamo sentito l’umanità delle persone”.

– Ma l’Italia, come abbiamo ad imparato da qualche tempo a questa parte, è solo uno scalo di passaggio, una tappa obbligata verso il ben più ricco e allettante Nord-Europa. Come conferma la stessa Dima:  Adesso speriamo di poter andare in Olanda, Svezia o Norvegia per crescere i nostri figli in un Paese dove ci sono serenità e opportunità”.

 

“LA CITTA’ CE LA STA METTENDO TUTTA” – “La città ce la sta mettendo tutta, ma Comune e privato sociale sono ormai al limite“, ha commentato Annamaria Lodi, presidente della Cooperativa Farsi Prossimo.

– Secondo don Roberto Davanzo, direttore di Caritas ambrosiana, “l’emergenza siriani mette in luce un punto debole del nostro Paese: l’assenza di strutture in grado di dare una primissima accoglienza alle persone che scappano dalla guerra e dai conflitti, durante crisi internazionali impreviste”.

– “Non ci si illuda – ha avvertito poi – che alzando barriere, fisiche o legali, si possa impedire che vengano in qualche modo da noi persone che sono tanto disperate da rischiare di morire in mare con i propri bambini. Quelle barriere hanno il solo effetto di incrementare un mercato di uomini in mano a moderni schiavisti”.

 

LA GIORNATA MONDIALE DEL RIFUGIATO – Venerdì 20 giugno, tra l’altro, si celebrava anche la Giornata mondiale del rifugiato, ricorrenza istituita dall’Onu nel 2001 “per riaffermare i valori sui quali sono basati gli accordi internazionali in materia di protezione dei rifugiati”.

– “A Milano dallo scorso ottobre stiamo portando soccorso a migliaia di cittadini siriani – hanno fatto sapere gli assessori Pierfrancesco Majorino e Marco Granelli, rispettivamente responsabili delle Politiche sociali e della Sicurezza -. Il nostro è un impegno quotidiano che portiamo avanti nella totale assenza di ministero dell’Interno e Regione Lombardia, possibile solo grazie all’estenuante lavoro di operatori e volontari”.

“Dalle fine di agosto il Comune di Milano si è messo in moto creando un’unità di crisi che comprende insieme a noi Caritas e Terzo Settore. Abbiamo ripetutamente chiesto al ministero dell’Interno di organizzare un piano nazionale di accoglienza dei profughi e a Regione Lombardia di mettere a disposizione strutture e assistenza sanitaria. Ma fino ad oggi – hanno concluso gli assessori –  non hanno dato alcuna risposta lasciando Milano a se stessa”.

 

LA STOCCATA DI DE CORATO – Qualche ora più tardi, però, è arrivata anche la puntuale stoccata di Riccardo De Corato, vice presidente del Consiglio comunale e capogruppo di Fi-An in Regione, secondo il quale “Majorino e Granelli si prendono meriti non loro”.

– “Per prima cosa – ha sottolineato De Corato – devono dire che  i soldi con cui stanno affrontando l’emergenza rifugiati sono statali: da Roma infatti sono arrivati oltre 2 milioni e mezzo di euro per gestire questa arrivi di immigrati fino al 30 giugno p.v. (…)  La Regione va coinvolta e invece pochi giorni fa è stata annullata all’ultimo momento una riunione Governo-Regioni proprio sulla questione dei fondi per gli i profughi siriani e ieri è saltata anche la conferenza unificata. Così come da Palazzo Marino non sono mai arrivate informative precise sui numeri dell’emergenza o richieste sulle decisioni da prendere. Il Comune non può pensare di usare la Regione come un bancomat”.

 

L’APPELLO DEI CITY ANGELS – Intanto, nei giorni scorsi, i City Angels hanno lanciato il loro appello ai milanesi affinché donino indumenti, coperte, sacchi a pelo e cibo da distribuire ai profughi. CLICCA QUI  per ulteriori dettagli.

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E  SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Emergenza profughi siriani ed eritrei Milano, appello dei City Angels e indirizzo dove portare indumenti e cibo

Profughi siriani Milano, Caritas e Cooperativa Farsi Prossimo offrono 100 nuovi posti letto

Emergenza profughi Siria a Milano, trovati altri 280 posti. I commenti di politici e istituzioni

Altri 500 profughi in Lombardia, l’assessore Simona Bordonali: “Chi manterrà queste persone?”

Altri 114 profughi siriani arrivano in città, Majorino: “La capacità di accoglienza di Milano è esaurita”

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here