Sgombero Zam Milano, Pisapia scontenta anche i centri sociali

Pisapia inaugura le bancarelle piazza Castello-9Lo scorso 19 luglio aveva organizzato ed allestito la Festa del THC, cioè uno dei più noti e diffusi principi attivi della marijuana. Dieci giorni prima, invece, era stato il turno del “LadyFest”, con una tre giorni all’insegna della “sessualità non convenzionale”, tra laboratori di bondage, sadomaso, per costruire un sex toys e “scoprire il proprio genere sessuale”. Ora, dopo quasi due anni, è arrivato lo sgombero, eseguito dai Carabinieri.

 

LO ZAM – Si tratta del centro sociale Zam, il collettivo che abusivamente si era insediato nella ex scuola di via Santa Croce (a pochi passi da piazza Sant’Eustorgio), già alla ribalta della cronaca in quanto a problematiche e proteste dei cittadini.

 

LO SGOMBERO, STAMATTINA – Stamattina, alle 8.30 circa l’intervento delle Forze dell’Ordine, in un clima di tensione.

– Secondo quanto riferito dalle Autorità, infatti, davanti al centro sociale erano in presidio 30-40 persone, mentre all’interno dell’area si trovavano altri 3 antagonisti, con una bandiera no-Tav.

 

FUMOGENI E CONTUSI – Sempre secondo gli Inquirenti, respingimenti da parte degli abusivi ci sarebbero stati all’inizio dell’intervento, insieme con un lancio di fumogeni.

– Nella tensione, almeno un agente sarebbe rimasto contuso. Secondo i manifestanti, anche alcuni giovani sarebbero rimasti coinvolti.

 

“MOBILITAZIONI CITTADINE” ANNUNCIATE GIA’ PER OGGI E PROGRAMMATE PER SETTEMBRE – I manifestanti, tuttora in presidio all’esterno del centro sociale, hanno già annunciato una riunione alle 18.30 di oggi, con un “tavolo dal basso” sugli spazi in città. Sempre per oggi, dalle 19.30, gli antagonisti hanno preannunciato anche una mobilitazione cittadina.

– Fissate per settembre, invece, per ben 4 weekend, nuove mobilitazioni con relative occupazioni di spazi.

 

QUESTA AMMINISTRAZIONE, INCAPACE DI COSTRUIRE DIALOGHI REALI” – Oltre ad aver organizzato nuovi presidi e occupazioni, i ragazzi dello Zam hanno levato il dito anche contro la giunta Pisapia (che inizialmente si era dimostrata molto aperta e compiacente verso i centri sociali ma, al momento, continua a mantenere tale atteggiamento solo con alcuni), accusandola di una “totale incapacità di costruire dialoghi reali con gli spazi sociali”.

– “Questa amministrazione – hanno concluso gli antagonisti – si nasconde dietro tecnicismi di dubbia valenza, dimostrandosi (per l’ennesima volta) un generatore di sgomberi”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Sicurezza Milano, richiesta eliminazione dei pattugliamenti misti, del Nucleo controllo sui mezzi pubblici e risposte ai centri sociali, ecco cosa succederà a Milano e cosa è stato garantito

Occupazione centro sociale Zam ex scuola via Santa Croce Milano e degrado parco delle Basiliche, l’interrogazione a Pisapia in consiglio comunale

Villette occupate collettivo Lambretta via Apollodoro Milano, l’intervista e l’appello disperato di una residente

Corteo Dax Milano centri sociali, 400mila euro di danni. E Pisapia cosa dice?

Contributi Leoncavallo da Comune Milano, l’assessore alla Sicurezza Granelli: “Valorizzare la positività di questo luogo che in futuro potrebbe anche ricevere contributi per determinati progetti”

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here