Indagini furto Castello Sforzesco Milano, De Corato: “Autorità avvisate dopo 4 giorni”. Il Comune: “Denuncia tempestiva”

Castello Sforzesco«Il quadro che sta emergendo dopo il clamoroso furto di tre tele del ‘400 all’interno della Pinacoteca del Castello Sforzesco è davvero poco rassicurante. Secondo le prime indagini, ci sarebbero quattro giorni di blackout tra la sparizione delle preziose opere e la successiva denuncia alle forze dell’ordine».

 

DE CORATO: «DAL COMUNE SOLO COMUNICATI DI MANIERA» – Riccardo De Corato, vicepresidente del Consiglio comunale e capogruppo in Regione di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, proprio non riesce a digerire il furto delle tre tavole lignee di epoca rinascimentale, avvenuto una settimana fa all’interno della Pinacoteca del Castello Sforzesco, nella Sala ducale.

– Un furto che, a suo dire, «ha dell’incredibile», frutto di «una gestione indecente della sicurezza». E che secondo i primi accertamenti di inquirenti e investigatori, sarebbe stato denunciato formalmente alle autorità con il colpevole ritardo di ben quattro giorni.

– «Palazzo Marino valuti sin d’ora provvedimenti contro la cooperativa che gestisce la vigilanza all’interno del Castello Sforzesco – fa sapere De Corato – in particolare la risoluzione immediata del contratto. Clamoroso è il furto, a una manciata di mesi da Expo 2015 (il Castello Sforzesco è tra i simboli per antonomasia di Milano) e clamoroso è il silenzio del Comune, che sin qui si è affidato solo a comunicati di maniera».

– E su quest’ultimo punto, De Corato ha annunciato che in occasione del prossimo Consiglio comunale, al rientro dalla pausa estiva, chiederà al sindaco Pisapia e all’assessore Granelli «una dettagliata relazione sull’accaduto. Tutti hanno il diritto di sapere cosa è realmente accaduto. Così come chiederò spiegazioni sul fatto che delle otto telecamere installate ne funzionassero solo due».

 

LA REPLICA DEL COMUNE –  Ma la risposta del Comune – soprattutto riguardo la questione sul presunto ritardo della denuncia del furto alle forze dell’ordine – non si è fatta di certo attendere.

– «La denuncia da parte del conservatore della Pinacoteca Laura Basso è stata presentata alle forze dell’ordine già nella giornata di sabato 23 agosto ed è poi stata formalizzata lunedì 25», precisa in una nota Palazzo Marino.

– «Lo stesso sabato 23 infatti – si legge nel comunicato – a seguito della denuncia interveniva sia una pattuglia della Polizia di Stato che una squadra della Polizia Scientifica per i rilievi del caso». «Le telecamere – inoltre – presenti nella sala 17 in cui erano esposte le tavole, sono quattro: solo una non funziona, mentre un’altra ha una visualizzazione non perfetta ma comunque sufficiente per consentire le indagini da parte degli inquirenti».

–  L’indagine interna per accertare i fatti e le eventuali responsabilità, ha precisato l’Amministrazione, continua. Intanto, la Procura di Milano ha aperto un’inchiesta con l’ipotesi di reato di furto aggravato.

 

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Furto in appartamento via Pisacane Milano, smurate due casseforti. I consigli dell’assessore Granelli: “Mettete porte blindate e vetri anti-sfondamento”

Rom Milano, mentre gli assessori Granelli e Majorino parlano di integrazione e legalità, al Forlanini i nomadi rubano i paletti di legno del parco giochi per avere legna da ardere nei propri campi, foto

Rom viale Corsica via Mezzofanti Milano, una lettrice: “Siamo preoccupati per i nostri bambini, l’area è un viavai di nomadi che si stanno allestendo un nuovo campo abusivo”

Furto supermercato viale Corsica Milano, i crimini nel quartiere non si fermano più, il riepilogo

Donna rapinata via Salomone Milano, presi due rom. Riepilogo della situazione della sicurezza in zona Forlanini-Corsica-Mecenate

 

S.P.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here