Convalida fermo sparatoria Bruzzano Milano, spunta anche un triplice omicidio in Albania

ArrestoE’ stato convalidato il fermo per Kastriot Zhuba, l’albanese accusato per il duplice omicidio e il tentato omicidio avvenuto lo scorso 18 settembre a Bruzzano, in prossimità dell’ospedale Galeazzi.

 

L’uomo, bloccato dopo circa 3 ore dalla sparatoria e trovato in possesso di una Beretta calibro 9 senza regolare permesso, era stato tratto in arresto dalla Polizia di Stato, con l’accusa di rapina e porto d’armi abusivo, e portato a San Vittore.

 

Subito aperte le indagini, gli specialisti hanno iniziato le analisi balistiche, che hanno confermato che la Beretta è l’arma che ha commesso la strage.

 

Comparso ieri davanti al giudice per le indagini preliminari, Gennaro Mastrangelo, Zhuba si è avvalso della facoltà di non rispondere.

 

Oggi l’uomo sarà sentito dai giudici della corte d’appello per una rogatoria dell’Albania, essendo risultato destinatario di un mandato di cattura internazionale per un triplice omicidio che avrebbe commesso nel paese d’origine.

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here