Seveso esondato Milano, zona Niguarda ancora in tilt. Punto della situazione in Lombardia

Esondazione Seveso Milano 2014-8Non cessa la pioggia e, il Seveso, è esondato ancora, mettendo nuovamente in ginocchio la zona Niguarda.

 

MILANO – In via Valfurva sono al lavoro le squadre della Protezione civile;

– MM ha provveduto a far aprire da Servizi idrici tutti i chiusini per il deflusso dell’acqua;

– Le pattuglie della Polizia locale cercano di tenere sotto controllo la viabilità.

– In zona Isola gli ambulanti del mercato rionale di piazzale Lagosta sono stati invitati ad anticipare il disallestimento dei banchi lasciando libere piazza Minniti, via Garigliano e via Sebenico.

–  Presso la stazione della M2 Famagosta, inoltre, momentaneamente e a scopo precauzionale, è stata interrotta la circolazione fino ad Assago Forum, per il quale sono previsti bus sostitutivi. Rimagono per ora chiuse le stazione di Zara (M3 ed M5), Istria (M5) e Marche (M5) per l’impossibilità di uscire in superficie in condizioni di piena affidabilità. In via precauzionale è poi sospesa la tratta tra Centrale (M3) e Maciachini (M3), per la quale sono stati messi in campo bus sostituvi.

 

EMERGENZA PO – Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi, intanto, ha emesso un aggiornamento di Avviso di criticità, il numero 148, per rischio idraulico localizzato sul fiume Po.

– Il colmo di piena è in transito nella sezione di Borgoforte, con valori intorno agli 8,1 metri.

– I livelli del fiume Po pertanto continueranno a crescere nel tratto terminale lombardo, rimanendo al di sopra della soglia di elevata criticità almeno per le prossime 24 ore.

– Le intense precipitazioni registrate e che interesseranno il territorio regionale anche nel pomeriggio di oggi, sabato 15 novembre, porteranno l’ingresso di una nuova onda di piena.

 

3 SETTORI A RISCHIO – Tre zone ben identificate lungo il corso del Fiume Po diviso in aree che variano da ordinaria a elevata criticità. Nello specifico:

– il settore che ha come punto di riferimento Ponte Valenza, il PO1 (Pavia) che va dal Po al Tanaro, l’avviso prevede un livello di moderata criticità con possibilità di peggioramento;

– per il tratto Tanaro-Ticino che include il Ponte della Becca, il PO2 (Pavia), livello di moderata criticità tendente a peggioramento;

– nel tratto Ticino-Lambro identificato con Spessa Po, il PO3 (Pavia) il bollettino segnala ordinaria criticità con tendenza a peggioramento;

 

ORDINARIA CRITICITA’ – per la sezione PO4 (Lodi e Cremona), che interessa anche Piacenza, il livello è di ordinaria criticità con tendenza stabile;

la zona identificata come PO5 (Cremona), con la città del torrone come riferimento, ha una moderata criticità con possibili miglioramenti.

 

MONITORAGGIO SPECIFICO – A richiedere un monitoraggio più specifico sono i settori 6, 7 e 8:

– Il settore PO6 (Cremona e Mantova), che ha come riferimenti Casalmaggiore e Boretto, è a elevata criticità con una tendenza a moderata;

– anche per la sezione PO7 (Mantova), identificata con Borgoforte, è a livello di elevata criticità con segnali di lievi miglioramenti;

– la sezione PO8 (Mantova), con riferimento Sermide, registra elevata criticità con possibili peggioramenti.

– A valle di Casalmaggiore, dove i livelli hanno raggiunto l’elevata criticità, in considerazione della prolungata permanenza di livelli medio-alti, sarà importante, anche per i comprensori golenali ‘non a rischio sormonto’, assicurare un’attenta attività di monitoraggio delle arginature al fine di prevenire/intervenire prontamente su eventuali fenomeni di filtrazione/sifonamento.

 

MASSIMA ATTENZIONE DA PARTE DELLE AUTORITA’ COMUNALI – In particolare, si invitano le autorità locali di protezione civile a verificare insediamenti ed attività produttive e ricreative (cascine agricole, ristoranti, maneggi, agriturismi, strutture ricreative e sportive) che possono risiedere anche in golene chiuse che non sono state oggetto di consolidamento/sovralzo dopo la piena del 2000 in quanto non sono da escludere fenomeni di sifonamento.

– Le amministrazioni comunali, che garantiscono la migliore conoscenza dei residenti e delle attività presenti in tali aree, potranno assicurarsi che, nei casi più a rischio (in presenza di franco di sicurezza inferiore al metro) le attività vengano sospese e le persone non permangano nelle golene in corrispondenza della massima piena.

– Non è neppure da escludere che fabbricati disabitati in golena siano stati abusivamente occupati e, pertanto, è opportuno verificare che ciò non sia avvenuto.

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Seveso e Lambro esondati Milano, elenco sottopassi allagati, condizione servizi metropolitana, evacuate comunità assistenziali

Danni esondazione Seveso Milano, raggiunti 25 milioni di euro. I cittadini: “Pisapia si dimetta”

Esondazione Seveso Milano, 6 milioni di danni per le attività economiche

Pisapia su esondazione Seveso Milano: “Se fossimo stati avvertiti in tempo, avremmo evitato questa situazione”

Esondazione Seveso Milano, analisi sul perché il Seveso straripa e soluzione della Giunta Pisapia: i Seveso Angels

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here