Chiusura corso Buenos Aires Milano, il No dei commercianti: “Era stato escluso, recherebbe danni”

STOPNon è la prima volta che i commercianti, non da ultimo quelli di corso Buenos Aires, esprimono forte disaccordo con i provvedimenti della giunta arancione. L’ultima questione è legata, niente meno, ad Expo: chiudere tutto corso Buenos Aires al traffico, tutte le domeniche del semestre Expo. E i commercianti, ancora, dicono no.

 

LA PROPOSTA DEL PRESIDENTE DI ZONA 3, DA PRESENTARE IN COMUNE – L’iniziativa è stata annunciata dal presidente di Zona 3 Renato Sacristani e dall’ad di Corsorzio Buenos Aires, Domenico Zimbalatti.

– La delibera verrà presentata a gennaio dal consiglio di Zona 3, che chiederà formalmente a palazzo Marino la chiusura “strutturale” del corso alla domenica, da maggio alla fine di ottobre del 2015, durante tutto il periodo dell’esposizione universale.

– “Già da tempo il consiglio di Zona ha manifestato la sua volontà sulle chiusure domenicali. Avevamo pensato – ha spiegato Sacristani – a una chiusura al mese, e fino ad ora ne abbiamo realizzate diverse, in occasione di vari eventi. Per Expo vorremmo che la chiusura domenicale diventasse strutturale, a prescindere dalla organizzazione di eventi, ovvero anche per il semplice passeggio. Lo chiederemo formalmente al Comune a gennaio con una delibera del consiglio di Zona. Il Consorzio Buenos Aires sta lavorando a un programma importante di eventi, ma il corso potrà in questo modo essere a disposizione per tutti quei piccoli eventi per ‘Expo in città, che avranno bisogno di una collocazione”.

 

IL NO DEI COMMERCIANTI – Non si sono tirati indietro, invece, i commercianti, il cui presidente di Ascobaires, Gabriel Meghnagi, ha comunicato: “Non se ne parla neanche».

«I patti sono chiari e vanno rispettati – ha spiegato Meghnagi – quando è stato costituito il Duc Distretto urbano del commercio di corso Buenos Aires si è escluso categoricamente una soluzione così invasiva. La chiusura permanente, ogni domenica, di corso Buenos Aires, oltre a creare seri problemi generali di viabilità, non avrebbe alcun senso, danneggiando soltanto le attività commerciali. Su corso Buenos Aires occorrono pochi e ben coordinati eventi capace di creare attrattività”. La chiusura strutturale del corso, «è ben lungi dal valorizzarlo – ha concluso la propria replica il presidente di Ascobaires –, è un’idea di Sacristani che respingiamo al mittente».

—-

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Sicurezza Corso Buenos Aires Milano: “Il problema è diventato intollerabile”, nuova lettera dei commercianti a Pisapia

Carbone consegnato a Pisapia dai commercianti di Milano, vendite in calo del 60% a causa del blocco, che non ha fermato il PM10

Esondazione Seveso Milano, chiesta esenzione Tasi da commercianti quartiere Isola

Tassa sui passi carrabili Milano, il COSAP sta già gravando su famiglie e commercianti, ecco come

Di Redazione

1 COMMENTO

  1. E SON CONTENTO
    ri-votate il Pisapia,
    sostenete il Maran

    avete votto e voluto la biciclettina ?
    adesso pedalare e…..di gran carriera

    ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha ha

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here