Frode settore gas serra, Gdf scopre fatture false per oltre 3 miliardi di euro

euroI finanzieri del Comando Provinciale di Milano hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano, Stefania Donadeo, nei confronti di 9 soggetti (di cui 6 in carcere e 3 ai domiciliari), indagati, a vario titolo, per reati di associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale.

 

LE INDAGINI – Le investigazioni sono state svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Milano, e dirette dai Sostituti Procuratori presso la Procura della Repubblica di Milano, Carlo Nocerino e Adriano Scudieri, con il coordinamento del Procuratore Aggiunto, Francesco Greco.

– “Le indagini eseguite hanno consentito di delineare i tratti di un’associazione a delinquere a carattere transnazionale dedita all’illecito commercio dei certificati di Carbon Trading”, hanno spiegato le Fiamme Gialle.

 

IL “CARBON TRADING” – Si tratta di quote di emissione dei gas serra, introdotte con la direttiva 2003/87/CE, per promuovere la riduzione di dette emissioni secondo criteri di efficacia dei costi ed efficienza economica.

– I malviventi si servivano poi di “ripetute e sistematiche ‘frodi carosello’ perpetrate con l’interposizione di società cartiere e di società filtro nella filiera commerciale – prosegue la Gdf – al fine di appropriarsi dell’imposta sul valore aggiunto connessa alle transazioni”.

 

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE – Le indagini  si sono “sviluppate anche nel quadro di una costante attività di cooperazione internazionale coordinata dal II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza – specificano i Finanzieri –, attraverso la rete di esperti del Corpo all’estero e dei consolidati rapporti di collaborazione con altre Autorità fiscali e di Polizia europee”.

 

ILLECITI PER 3,5 MILIARDI DI EURO – Tale attività ha consentito di far emergere il coinvolgimento, a vario titolo, di 32 persone fisiche, amministratori di fatto o di diritto , e di 28 persone giuridiche, nell’ambito di un sistema di frode che ha comportato l’emissione/utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per circa 3,5 miliardi euro.

-Nell’ambito delle operazioni, nelle quali sono stati impiegato oltre 150 finanzieri, è stata data contestuale esecuzione anche ad un provvedimento di sequestro preventivo per equivalente di beni mobili, immobili e quote societarie fino a concorrenza di circa 650 milioni di euro (ammontare dell’imposta sul valore aggiunto evasa), nonché a numerose perquisizioni in varie province, tra cui quelle di Milano, Roma, Savona, Frosinone, Lucca e Novara, anche attraverso l’ausilio dei Reparti del Corpo territorialmente competenti.

—-

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here