Banda di rapinatori di banca Milano e hinterland, dalla Sicilia alla capitale meneghina

Pistola_archivioE’ giunta a conclusione un’inchiesta dei Carabinieri di Monza, con oggetto una banda di rapinatori composta da 5 malviventi e rispetto ai quali, le indagini, erano iniziate a settembre 2013.

 

IL MODUS OPERANDI – In base a quanto emerso, i soggetti, tutti di origine palermitana, penetravano nelle banche seguendo la tattica del buco: operato uno squarcio nel muro durante l’orario di chiusura al pubblico, penetravano all’interno delle strutture.

Tutti travestiti nello stesso modo al fine di non essere né riconoscibili, né distinguibili, a questo punto i ladri intimavano ai responsabili della filiale l’apertura della cassaforte, mentre i dipendenti delle banche venivano immobilizzati con fascette da elettricista.

 

DALLA SICILIA, A MILANO, VIA AEREO – Durante le indagini, gli investigatori hanno analizzato documenti e tabulati telefonici, verificando anche liste di imbarco di aerei e traghetti in partenza dalla Sicilia.

– I controlli hanno consentito ai militari di individuare la banda, a partire da alcuni palermitani che, in occasione delle rapine analizzate, hanno effettuato viaggi dal capoluogo siciliano fino a Milano.

– Inoltre, i Carabinieri hanno anche appurato che, terminate le rapine, due congiunti di uno degli indagati partivano immediatamente alla volta di Milano, per assicurare il trasporto della refurtiva in Sicilia.
GLI ARRESTI – Mercoledì 14 gennaio 2015 è stata eseguita la misura cautelare per associazione a delinquere, finalizzata alle rapine ed ai sequestri di persona, emessa dal gip di Monza, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti dei 5 soggetti.

-Al momento del raggiungimento della notifica, tutti e 5 i destinatari erano in carcere, tutti in arresto in flagranza nell’ambito di un intervento condotto il 7 febbraio 2014 dai militari dell’Arma, poco prima che la banda rapinasse una banca di Buccinasco.

 

LE DENUNCE – Denunciati a piede libero, inoltre, due fiancheggiatori incensurati del sodalizio criminale, anch’essi di origine palermitana.

– Procedendo alla perquisizione delle rispettive abitazioni, i militari hanno rinvenuto due Rolex e un diamante. Il tutto, è stato sequestrato, in quanto ritenuto frutto di attività criminale.

– Rinvenuti, nella medesima abituazione, anche 270 grammi di marijuana, il titolare è stato arrestato in flagranza di reato, con l’ulteriore accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

—-

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Banda rapinatori pronta a colpire Milano, avevano fucili, pistole, silenziatori, divise della Polizia e altro

Donna rapinata via Picco Milano, minacciata con pistola nell’androne di casa. Due aggressioni brutali in 3 giorni

Rapina centro scommesse corso San Gottardo Milano, vigilante 24enne minacciata con pistola

Donna rapinata via Marsala Milano, fucile a canne mozze puntato addosso in piena strada

 

 Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here