Accoltellamento per gelosia via Padova Milano, arrestato latitante fuggito in Germania

ArrestoL’accusa è gravissima: tentato omicidio volontario. E a un cittadino albanese di 38 anni, residente a Milano, nelle scorse ore è costata la galera. La vittima è un suo coetaneo e connazionale, ferito lo scorso primo gennaio, all’altezza del civico 177 di  via Padova, con una coltellata diretta al torace. Il movente del folle gesto? Un’avvenente ragazza romena di 22 anni che, a quanto pare, avrebbe fatto letteralmente perdere la testa ai due uomini.

.

PREGIUDICATO E CIECO DI GELOSIA – Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, l’aggressore – un pregiudicato già coinvolto in un omicidio nel 2006 e scappato in Germania subito dopo l’accoltellamento di Capodanno -, ha assalito la sua vittima perché, a suo dire, lo riteneva rivale in amore.

– Quest’ultimo, infatti, aveva da poco avuto una relazione proprio con la bella romena che l’altro stava corteggiando da tempo, ma senza ottenere il benché minimo risultato. Da qui, in preda ad una feroce gelosia, la decisione di punirlo con un’azione esemplare che non avrebbe scordato facilmente.

.

LA COLTELLATA A POCHI CENTIMETRI DAL CUORE – E poco ci è mancato che il focoso pregiudicato non raggiungesse il proprio scopo. La coltellata sferrata al tronco della vittima, infatti, si è conficcata per un puro caso a soli pochi centimetri dal suo cuore, evitandogli così una morte quasi certa.

– Qualche giorno dopo, una volta ripresosi, quello che non ti aspetti. Chiusosi in un inspiegabile e inespugnabile silenzio,  l’uomo si è rifiutato di collaborare con gli investigatori. Alla base delle decisione, probabilmente, la paura di ulteriori ritorsioni da parte del suo connazionale. Una decisione che ha però finito col rendere le operazioni di ricerca del latitante più lunghe e complicate del previsto

.
LA TELEFONATA GALEOTTA – Per gli inquirenti, a quel punto, per far luce sul caso non è rimasto altro da fare se non confidare in qualche indizio proveniente dalla  giovane cittadina romena.

– E così è stato. Grazie, infatti, ad una telefonata ricevuta sul  cellulare della giovane da parte dell’aggressore, in quel momento nascosto in Germania, gli inquirenti sono riusciti a rintracciare il criminale e ad arrestarlo non appena ha rimesso piede in Italia. In attesa di giudizio, il malvivente è stato immediatamente tradotto in carcere.

PARTECIPA AL SONDAGGIO:

[poll id=”2″]

[poll id=”3″]

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

S.P.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here