Condanna giovani writers stranieri Milano, sentenza importante dopo la devastazione dei Black Bloc

WritersAlla fine, è il caso di dirla, l’hanno pagata davvero cara: 6 mesi di reclusione e, soprattutto, un risarcimento di 6 mila euro all’Atm. È quanto stabilito dal giudice delle direttissime Monica Amicone chiamata ad esprimersi sul caso dei tre writer stranieri – due grafici di 21 e 22 anni cittadini della Svizzera tedesca e un giardiniere belga di 25 anni, sorpresi nella notte tra il 23 e il 24 febbraio scorsi ad imbrattare alcuni treni della metropolitana milanese presso il deposito di San Donato, nell’hinterland meneghino. Una sentenza, a pochi giorni dallo scempio dei black bloc del 1° maggio nel capoluogo lombardo, quantomai perentoria e, presumibilmente, benaugurante.

.
ATM: “SIAMO SODDISFATTI, RICONOSCIUTO IL DANNO” – Il procedimento, svoltosi con rito abbreviato secondo i desideri dei tre imputati, ha visto riconoscere per la prima volta un risarcimento ad Atm – costituitasi per l’occasione parte civile – per l’imbrattamento di alcuni vagoni.

– «Siamo soddisfatti – ha spiegato l’avvocato Paolo Grasso, rappresentante legale della municipalizzata milanese -, perché è stato riconosciuto il danno con un risarcimento immediatamente esecutivo». I tre teppisti, tra l’altro, si erano visti sequestrata l’auto con cui erano arrivati in Italia e ora, dopo la sentenza, potrà essere pignorata e venduta per coprire l’ammontare del risarcimento.

.
TAPPA ITALIANA DI UN TOUR EUROPEO – La ricostruzione delle vicenda operata dal pubblico ministero Elio Ramondini, che lo scorso marzo aveva chiesto pene fino a un anno e due mesi di reclusione per i writer, ha portato alla luce l’appartenenza dei tre  giovani ad una cosiddetta “crew” tedesca.

– Il blitz italiano sarebbe stato solo una tappa di un “tour europeo”, come definito dallo stesso Ramondini, che la settimana prima aveva  portato alle scorribande di Berna, Roma e Barcellona. I tre erano venuti a Milano in auto attraverso il confine svizzero per tracciare i loro graffiti sui treni della metropolitana. La perquisizione della loro vettura aveva inoltre portato al rinvenimento di diverse bombolette spray, macchine fotografiche e zainetti.

.

LA SENTENZA PER DIRETTISSIMA – Nella giornata di ieri, il giudice della direttissima, riqualificando il reato di danneggiamento in deturpamento e imbrattamento ha così condannato due dei imputati – accusati anche di resistenza a pubblico ufficiale, – rispettivamente a 6 mesi e a 4 mesi e 20 giorni di reclusione. Il terzo imputato, invece, se l’è cavata con una multa di 600 euro.

– Il giudice ha anche dichiarato “l’inefficacia delle misure di divieto di dimora a Milano che erano state inflitte a due degli imbrattatori, data la sospensione condizionale delle pene”.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Denuncia writers con droga via Giovanni da Milano, in manette due giovanissimi

Writers indagati Milano per imbrattamento treno metropolitana Gessate, aggredirono anche un macchinista

Writers dentro deposito Atm San Donato Milano, spray urticante contro addetto alle pulizie

S.P.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here