Sciopero mezzi pubblici 24 luglio 2015 precettato Milano, la Prefettura dice ancora No. Motivi protesta e info servizi regolari

Tronca e GranelliL’adesione di ATM allo sciopero di venerdì 24 luglio 2015 non ci sarà. A Milano, durante tutta la giornata, il servizio dei mezzi pubblici sarà regolare: a disporlo il Prefetto, Francesco Paolo Tronca (nella foto insieme con l’assessore alla Sicurezza di Milano, Marco Granelli, alla presentazione del Centro Operativo Misto di via Drago).

 

LO SCIOPERO PRECETTATO. ANCORA – La notizia, ormai, rischia di non stupire più: è da quando è iniziato Expo che, a Milano, i lavoratori del traporto pubblico non possono più aderire alle proteste indette su territorio nazionale, puntualmente precettate.

 

 

LA DECISIONE, UNANIME – La decisione è stata comunicata dopo che, il Prefetto Tronca, ha consultato il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, che si è espresso sulla precettazione con parere unanime

 

24 LUGLIO MEZZI REGOLARI – Venerdì 24 luglio, dunque, i mezzi saranno regolari e, pertanto, anche le telecamere di AreaC saranno funzionanti secondo le normali modalità di attivazione.

 

COMUNQUE, ECCO I MOTIVI DELLA PROTESTA – La sollevazione era stata organizzata dall’associazione sindacale S.I. Cobas.

“Mentre si approssima la sottoscrizione da parte di tutti i sindacati di uno tra i peggiori
contratti nazionali Autoferrotranvieri, il S.I. Cobas ATM, visto anche il declino inarrestabile
delle condizioni lavorative, promuove per il 24 luglio una prima giornata di lotta, con
l’obbiettivo sia di unire tutti i lavoratori (dal neoassunto, al prossimo alla pensione), sia di
cominciare a costruire la vera opposizione alla dilagante offensiva antioperaia – ha spiegato l’associazione.

– “È micidiale l’attacco che i sindacati firmatari del contratto nazionale stanno per portare ai
lavoratori – sottolinea S.I. Cobas –, dall’aumento indiscriminato di flessibilità e orari di lavoro, alla riduzione di giorni di riposo; dall’indennità di malattia fortemente decurtata, alla diversa retribuzione delle ore straordinarie.

– “In questo continuo indietreggiare – proseguono –, sia Renzi per il Governo dei banchieri che
Maroni per la Regione delle mega-opere inutili (buone solo per i soliti giri di miliardi in
mazzette per i partiti), entrambi in sintonia decidono di tagliare indiscriminatamente fondi al
Trasporto Pubblico Locale, facendo carne da macello per tutti i lavoratori del settore.

– “In ATM, come in tutte le aziende – specifica ancora l’associazione – vista anche il continuo peggioramento degli orari di lavoro, con lo sciopero proponiamo di attestare l’orario di lavoro a 35 ore di media settimanale a parità di salario e su 17 settimane, invece che su 26 settimane come stanno per firmare Cgil, Cisl, Uil, ecc.

– “È un NO secco quello che abbiamo detto ad ATM rispetto all’applicazione delle normative
renziane del JOBS ACT per i nuovi assunti – spiegano ancora i sindacati –,  che vengono così costretti ad una vita lavorativa sotto continuo ricatto e con la pronta licenziabilità in ogni momento. Facciamo notare a tutti come, in alcune aziende a grande maggioranza di iscritti S.I. Cobas, il Jobs Act non entra e, là dove è entrato dalla porta grazie alla presenza maggioritaria dei sindacati confederali, esce dalla finestra con grandi lotte che stiamo alimentando con l’autorganizzazione e l’unità degli stessi lavoratori.

 

“SCIOPERIAMO INOLTRE PER” – “Scioperiamo inoltre per – proseguono i sindacati:

– dare una piccola scossa ad alcune voci della busta paga ferme da alcuni decenni. In particolare la nostra proposta è quella di triplicare alcune voci della busta paga legate alla presenza (cod. dal 1394 al 1399) molto simili a prefissi telefonici (0,5 euro circa al giorno) e il raddoppio dell’indennità Competenze Accessorie Unificate da sempre ferma a 20,37 euro, aumento che va riconosciuto  anche sulla base di ulteriori competenze che intanto si sono aggiunte (es. azionamento pedana
disabile, guida vettura trainata, plurimansione esasperata nelle officine, ecc.);

– riconoscimento della professionalità maturata alla guida di autobus presso altre amministrazioni, anticipando il solo raggiungimento del parametro superiore;

– mantenimento del parametro dopo 16 anni nella mansione in caso di ricollocamento per sopraggiunta inidoneità;

– infittire la rete dei servizi igienici ai capilinea di superficie, con particolare riguardo all’attuale  scarsa manutenzione igienica che rende praticamente inutilizzabili anche quelli esistenti, a fronte di

bisogni fisiologici del personale alla guida dei mezzi a volte persino repressi con ovvie ricadute abbastanza immaginabili;

– per dare infine certezza sulle date entro la quale fornire le risposte alle richieste di ferie sia estive che invernali(periodo natalizio): in questo senso abbiamo individuato rispettivamente 2 date limite nel 10 di maggio e 10 novembre di ogni anno.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

 

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here