Macellaio islamico rapinato Milano, faida nello spaccio del quartiere Corvetto

ArrestoIl furto è avvenuto in zona piazzale Corvetto. Qui, attigua al suo negozio di macelleria, l’uomo aveva la propria abitazione dove, per un presunto giro di droga, avrebbe avuto 200.000 euro in contati.

 

Secondo quanto emerso dalle indagini della Polizia di Stato, i rapinatori sono 5 e, il colpo, risale al 28 maggio 2014, quando i ladri si presentarono con pistole e pettorine dei carabinieri.

 

Aperto un fascicolo dagli agenti del commissariato “Mecenate”, gli investigatori hanno scoperto che “la vittima”, un uomo marocchino di 30 anni, non era solo un “semplice” macellaio, ma sarebbe stato anche il cassiere degli spacciatori magrebini che capeggiavano nel quartiere Corvetto.

 

Il suo appartamento, infatti, sarebbe stato una sorta di banca clandestina, dove veniva depositato il denaro in attesa di spedirlo in Africa.

 

L’uomo è stato denunciato per riciclaggio e ricettazione.

 

Rispetto ai rapinatori, invece, per 5 uomini sono scattate le manette ma, gli Inquirenti, pensano ci siano altri 2 complici.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

PUBBLICITA’ A PARTIRE DA 10 EURO  – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, ad eventi, mostre o spettacoli, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie.

Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here