Aumento furti in farmacia Milano, fenomeno allarmante, nonostante la diminuzione delle rapine

Diminuiscono le rapine, ma aumentano i colpi per svuotare di farmaci magazzini e scaffali; la presidente Racca: “Confidiamo nelle Forze dell’Ordine”

FarmaciaUn nuovo fenomeno che vede le farmacie, loro malgrado, protagoniste della cronaca cittadina: si tratta dei furti, che vedono gli esercizi svuotati al mattino, oppure gli scaffali sistematicamente razziati a fine giornata. Dell’aumento dei furti ha parlato Federfarma, attraverso la sua presidente, Annarosa Racca. Mentre, nel 2015, le rapine in farmacia sono diminuite, il fenomeno dei furti è invece in preoccupante ascesa:
GRAZIE, ALLE FORZE DELL’ORDINE – “Le rapine nelle farmacie milanesi stanno diminuendo, grazie alla stretta collaborazione tra Forze dell’Ordine e farmacie. – ha dichiarato Annarosa Racca, Presidente di Federfarma –. L’impegno deve continuare per consolidare questo buon risultato, che deve estendersi anche altre città. Confidiamo che le Forze dell’Ordine continuino a sostenere la farmacia come hanno fatto finora per la tutela degli utenti e della salute pubblica”.
DIMINUZIONE DELLE RAPINE A MILANO E PROVINCIA – Sono in diminuzione anche i numeri relativi a tutto il territorio coperto da Federfarma Milano, cioè le province di Milano, Monza e Lodi, per un totale di 820 farmacie, le rapine sono passate da 229 nel 2013 a 159 nel 2014, per arrivare a 87 nel 2015.
L’ORARIO PREFERITO DAI RAPINATORI – L’orario preferito per le rapine è quello tra le 18 e le 19 mentre l’identikit del rapinatore tipo di farmacia è quello di un rapinatore seriale, solitario, armato di pistola (40% dei casi nel 2015 contro il 45% del 2014) e spesso con il volto travisato (nel 70% dei casi).
L’AUMENTO DEI FURTI – Crescono invece gli ammanchi sugli scaffali delle farmacie dovuti ad attività di taccheggio.
– Il fenomeno, oltre che a Milano, sarebbe presente anche in Europa, come rilevato dal sito web GlobalRetailTheftBarometer.com: le farmacie sono al primo posto in Europa per i furti dagli scaffali con ammanchi pari al 2,25% del fatturato 2015, causati per il 60% dal taccheggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here