Studentessa molestata metro Milano Molino-Dorino, palpeggiata al seno mentre va a scuola

La vittima è giovanissima; dov’è la sicurezza sui mezzi pubblici promessa dalla giunta?

GranelliBruttissima mattina per una studentessa di 18 anni, molestata in metropolitana mentre si stava recando a scuola (nella foto Marco Granelli, attuale assessore alla sicurezza di Milano, e riconfermato dal candidato del centrosinistra Giuseppe Sala, in caso di vittoria). Il malvivente, un ragazzo egiziano di 25 anni, è finito in manette con l’accusa di violenza sessuale.
È successo alle 8 circa di martedì 19 gennaio 2016.
Secondo quanto ricostruito, una ragazza si stava recando a scuola, e ha imboccato la metropolitana presso la stazione Molino Dorino.
La giovanissima studentessa, purtroppo, è stata puntata da un 25enne originario dell’Egitto, che ha iniziato a tallonarla.
Il ragazzo ha insistentemente avvicinato la 18enne, dicendole di “battere il cinque”, mentre lei cercava di ignorarlo e procedeva, invece, a fare tutto il necessario per prendere il convoglio.
Mentre stava acquistando il biglietto a una cassa automatica, l’ennesima richiesta alla quale, la ragazza, ha risposto ancora no; da qui la reazione del 25enne, che ha allungato una mano e ha palpeggiato la giovane al seno.
La ragazza ha tirato uno schiaffo al malvivente, che subito dopo ha cercato di allontanarsi, ma è stato bloccato da un addetto dell’Atm e da un cittadino presente alla scena.
Intervenute le Forze dell’Ordine, il 25enne è stato identificato, risultando in possesso di regolare permesso di soggiorno e incensurato.
Arrestato per violenza sessuale, il ragazzo avrebbe chiesto agli agenti di non divulgare l’episodio in sede consolare, perché «si vergogna di quello che ha fatto e non vuole che si sappia nel suo Paese».
In merito, invitiamo tutti i lettori a scriverci a redazione@cronacamilano.it , raccontandoci le proprie disavventure causate da mancanza di sicurezza: daremo voce a ogni cittadino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here