Spaccio droga università Statale Milano, smascherati pusher di 26 e 39 anni

Avevano marijuana e hashish; tra i clienti studenti, e non solo

spaccio StataleSpaccio di droga all’Università Statale di Milano: una piaga che ha portato all’operazione degli agenti di Polizia di Stato del Commissariato Centro, che hanno agito su accordo con il Rettore dell’Ateneo; in arresto due pusher, che avevano come clienti studenti, ma non solo.
Secondo quanto emerso, gli agenti hanno condotto appostamenti e indagini approfondite, facendo scattare le manette per due spacciatori: un ragazzo di 26 anni di origine italiana, e un uomo di 39 tunisino.
Entrambi i pusher sono stati sorpresi dalla Polizia mentre vendevano sostanze stupefacenti nella sede in via Festa del Perdono dove, gli Inquirenti, hanno acclarato che il mercato della droga vedeva, tra i clienti, non solo gli studenti della Statale, ma anche persone esterne alla vita universitaria.
Al momento dell’intervento, il 26enne è risultato in possesso di:
– 22 grammi di marijuana,
– 14 grammi di hashish,
– 180 euro in contanti.
Passati dalla perquisizione personale, a quella domiciliare, gli agenti si sono recati in via Ripamonti, dove nell’abitazione del giovane hanno sequestrato:
– altri 104 grammi di marijuana custoditi in un barattolo,
– un panetto di hashish di 100 grammi nascosto all’interno di una scatola di colore rosso,
– un bilancino di precisione.
Il 39enne tunisino, invece, è stato sorpreso dagli agenti mentre vendeva sette grammi di hashish a un cliente; il pusher, una volta intervenuta la Polizia, ha cercato di disfarsi di altri 6 grammi di hashish, ma in vano.
Una volta perquisito, l’uomo è risultato anche in possesso di 355 euro in banconote di piccolo taglio.
Sul problema della sicurezza nella zona della Statale, Leggi anche:
Mancanza di sicurezza Milano via dei Bergamini, illuminazione carente e degrado sotto il Duomo. Sangalli: “Il Sindaco non ci ascolta”

Invitiamo tutti i lettori a scriverci a redazione@cronacamilano.it segnalandoci i problemi di sicurezza del proprio quartiere: con la massima protezione della privacy, daremo voce a ogni cittadino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here