Firme per ripristino nuclei Polizia locali ed Esercito Milano, 650 sottoscrizioni in poche ore

De Corato: “650 firme dei milanesi raccolte in poche ore, da Niguarda ad Accursio. Col modello di sicurezza del centrodestra, i reati vennero dimezzati”

Esercito a Milano“Questa mattina (2 aprile 2016, ndr) abbiamo cominciato a raccogliere firme per la petizione che chiede di ripristinare il modello sicurezza delle giunte di centrodestra a Milano. In poche ore, abbiamo raccolto 650 sottoscrizioni, da Niguarda a viale Accursio”, ha dichiarato Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e prossimo capolista di Fdi-An alle elezioni comunali e capogruppo in Regione Lombardia.
I NUCLEI ELIMINATI E RIVOLUTI DAI CITTADI NI – I cittadini hanno firmato per chiedere:
– il ripristino dei nuclei speciali della Polizia Locale,
– il rispristino del nucleo speciale di tutela che vigilava sul trasporto pubblico,
– il ripristino del nucleo di tutela del territorio che sgomberava i rom (“mentre adesso li traslocano”, sottolinea De Corato).
REATI DIMEZZATI CON IL MODELLO DEL CENTRODESTRA – “Questo era il modello di sicurezza del centrodestra, “che oggi Sala critica – aggiunge De Corato –, ma che fino all’altro ieri condivideva”, e aveva portato a “reati dimezzati”.
LA RICHIESTA DEL RITORNO DEL NUCLEO “STRADE SICURE” – “La realtà, che Sala non conosce o ignora, è che i milanesi chiedono  il modello Rambo – prosegue De Corato –. Chiedono che per le strade, nelle piazze e nei quartieri, soprattutto nelle periferie, tornino i militari.
– “Del resto sono i numeri a parlare chiaro – spiega ancora l’ex vicesindaco –: col modello Rambo, che Sala condivise da Direttore Generale,  i reati erano calati del 48%, le violenze sessuali dell’80%, le rapine del 40% e gli sgomberi di campi rom irregolari erano stati 400.
I CITTADINI VOGLIONO SICUREZZA E PROTEZIONE – “La realtà è che la situazione sta sfuggendo di mano e i milanesi rivendicano a gran voce il modello Rambo – conclude Riccado De Corato –. Con buona pace della propaganda buonista del centrosinistra’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here