Sparatoria piazza Loreto Milano, l’assessore Rozza: “Bastasse l’esercito saremmo tutti felici”

Ferma la richiesta dell’opposizione, che chiede l’aumento di soldati a garantire la sicurezza nelle strade; la risposta dell’Assessore: “L’esercito non è la panacea di tutti i mali”

carmela-rozzaContinuano le indagini a seguito della sparatoria avvenuta sabato 12 novembre 2016 a Milano in piazzale Loreto, tra la folla che alle 7 di sera transita abitualmente nella grande arteria meneghina; la vittima, il 37enne ferito a colpi di coltello e forse anche da uno dei proiettili esplosi, è stato nuovamente operato, e verte in condizioni molto gravi. E scoppia ancora la polemica sulla sicurezza a Milano.
Secondo quanto emerso finora, la vittima è di origine dominicana, e sarebbe stata da poco a Milano, dove risiede in modo irregolare.
Le ricostruzioni fanno partire l’origine della lite con i suoi aggressori all’interno di un negozio di parrucchiere in via Padova, dove si sarebbe trovato il 37enne.
Iniziata una discussione, i tre sarebbero poi usciti e, l’uomo, sarebbe fuggito correndo verso piazzale Loreto, venendo poi drammaticamente bloccato e ferito, in prossimità della fermata della metropolitana.
Mentre la Squadra Mobile sta conducendo indagini serrate, la vittima è già alla sua seconda operazione: i medici del San Raffaele gli hanno infatti asportato un rene e parte del colon, a causa delle ferite riportate all’inguine e al fianco (colpiti da numerose coltellate), e secondo i referti anche, almeno, uno sparo alle gambe.
In tutto ciò, a Palazzo Marino è scoppiata la polemica sullo stato di sicurezza, o meglio, insicurezza, in cui Milano sembra essere sprofondato ormai inesorabilmente negli ultimi anni a questa parte, toccando l’apice proprio in questi giorni.
Si appella al buonsenso, infatti, il commento di Riccardo De Corato, capogruppo di FdI-An in Regione, che chiede «una risposta forte: la presenza dei militari sulle strade è l’unico rimedio possibile». D’accordo con lui anche Silvia Sardone e Alessandro De Chirico, consiglieri di FI, e di Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda-Lega Nord.
Difende il proprio operato, invece, l’assessore alla Sicurezza di Milano, Carmela Rozza (nella foto), che afferma: “Noi faremo la nostra parte per garantire la legalità in quella zona. Continueremo a fare interventi in via Padova e abbiamo già avviato controlli a tappeto su tutte le proprietà, sia attività commerciali sia appartamenti per scovare le sacche di illegalità. A chi invoca l’intervento dell’esercito – aggiunge la Rozza – i militari a Milano ci sono già, e ho personalmente chiesto un rafforzamento di uomini che arriverà appena terminato il Giubileo a Roma, ma non è la panacea di tutti i mali. Bastasse l’esercito saremmo tutti felici”.

Leggi anche:
Degrado zona San Siro e via Padova Milano, foto e proteste. Continuate a scriverci
Degrado via Padova Milano, Maria Teresa Baldini: “Più che una Babele è un bronx”.
Rapine e pestaggi via Padova e viale Monza Milano, e il “laboratorio culturale” promesso.
Rapina catenina d’oro via Padova Milano, dov’è la sicurezza promessa al quartiere?
Tentato stupro via Padova Milano, nel 2013 ben 488 le violenze sessuali nella nostra..
“Crack house” dello spaccio via Arquà Milano, gravissimo episodio di degrado in via Padova
Spari latinos via Padova Milano, colpo a salve contro ragazza di 21 anni
Anziana americana rapinata della catenina Via Padova Milano, lasciata a terra con lesioni 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here