Dormitori abusivi via Venini e piazza Greco Milano, fino a 17 posti letto in un alloggio

Dormitori abusivi via Venini e piazza Greco Milano, fino al 17 posti letto in un alloggio

mde

Nei giorni e nei mesi scorsi gli agenti del Commissariato Greco Turro, nell’ambito dei controlli sulle dichiarazioni di ospitalità ai sensi dell’art. 7 D.Lgs. 286/98 e successive modifiche disposti ed intensificati dal Questore di Milano, Marcello Cardona, anche a seguito delle segnalazioni dei cittadini, hanno sanzionato due stranieri che ospitavano illegalmente nei propri appartamenti, uno in Via Venini e l’altro in Piazza Greco, alcuni loro connazionali, accertando una violazione amministrativa con una sanzione da 160 a 1100 euro per ogni persona abusiva.
Gli agenti, a seguito di un esposto da parte dei condomini di uno stabile di Via Venini, i quali indicavano un viavai di persone estranee al condominio e una situazione igienica precaria a causa dello stoccaggio continuo di masserizie ed effetti personali, sono intervenuti il 14 giugno  per effettuare il controllo del caso.
I poliziotti, giunti sul posto, hanno individuato l’appartamento costituito da 6 locali, adibiti a camere, in condizioni igienico sanitarie inadeguate, con 17 posti letto, dei quali 9 sono risultati occupati con continuità data anche la presenza di vestiti e valigie. A seguito del controllo sono stati identificati, oltre al proprietario, 8 cittadini del Bangladesh.
Già il 30 marzo scorso i poliziotti del Commissariato Greco Turro hanno effettuato un medesimo controllo in Piazza Greco, dove hanno individuato un appartamento occupato da un cittadino dello Sri Lanka, nei confronti del quale sono stati elevate 7 contestazioni per violazioni amministrative in quanto non aveva mai comunicato all’Autorità competente di dare ospitalità a 7 cittadini suoi connazionali.
E proprio nell’ambito di questi controlli gli agenti del Commissariato Greco il 24 giugno scorso hanno eseguito anche  un ordine di carcerazione di una cittadina messicana che aveva lasciato il nostro paese nel 2009, alla scadenza del proprio Permesso di Soggiorno, pur avendo a carico un procedimento penale con un ordine di cattura, emesso in data 14 novembre 2013 dal Tribunale di Milano per l’espiazione della pena di un anno, in relazione ad un procedimento penale per reati di natura tributaria. Il compagno, cittadino italiano, aveva presentato presso il Commissariato una dichiarazione di ospitalità per la compagna che dal Messico era arrivata a Milano il 22 giugno. La donna è stata accompagnata presso la Casa Circondariale “San Vittore”.

In merito, invitiamo tutti i lettori a continuare a inviarci segnalazioni, foto e video a redazione@cronacamilano.it: daremo voce a ogni problematica di quartiere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here