Madrina baby borseggiatori Stazioni Milano e Roma, la 31enne con 36 alias rimane in carcere

Era in carcere a Roma, ma doveva uscire entro poche ore; una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere l’ha raggiunta prima

stazione-centraleÈ stata emessa una nuova ordinanza di custodia cautelare per la 31enne bosniaca che “formava” baby borseggiatori tra i 10 e i 13 anni poi mandati ad “operare” presso le stazioni di Milano Centrale e Roma.
Secondo quanto spiegato, la donna si trovava nel carcere di Rebibbia e sarebbe uscita entro poche ore, quando gli operatori preposti hanno ricevuto un provvedimento del magistrato Adriana Blasco della procura milanese. Ed è rimasta in prigione, con un cumulo pene di 11 anni, 9 mesi e 8 giorni.
La donna, infatti, è ritenuta essere una sorta di madrina utilizzata per trasformare in borseggiatori provetti gruppi di 8-10 ragazzini dai 10 ai 13 anni.
Alla base del nuovo provvedimento, gli investigatori hanno sottolineato l’importanza dell’esecuzione prima della scarcerazione, perché hanno scoperto che dopo 4-6 mesi di carcere la donna spariva poi per almeno altri 10 mesi, rifugiandosi in Francia o nei paesi dell’est.
La 31enne aveva raggiunto 36 alias diversi, collezionando numerosi fermi da parte delle Forze dell’Ordine.
I carabinieri del nucleo ‘Catturandi’ del comando provinciale di Milano hanno quindi notificato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere e, stavolta, per il momento la donna non uscirà.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here