Shaboo Milano, lo dimentica nello zaino con i documenti e lo lascia in un locale

L’uomo, malese, si è recato in commissariato per denunciare lo smarrimento dei documenti, ed è stato arrestato

documenti-falsi-poliziaLunedì 4 settembre 2017 gli agenti del Commissariato “Garibaldi Venezia” hanno proceduto al fermo di Polizia Giudiziaria di un cittadino malese, incensurato, di 35 anni, in quanto indiziato gravemente di delitto per possesso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Secondo quanto spiegato dalla Questura, venerdì scorso, l’uomo era stato soccorso e trasportato presso l’ospedale Fatebenefratelli per un malore in via Santa Margherita, probabilmente a causa dell’assunzione di shaboo. Giunto al Pronto Soccorso, si era allontanato in tarda mattinata, eludendo i medici per evitare i controlli.
Nel pomeriggio, era entrato in un bar di via Turati dove, mangiando della frutta presa dal banco, aveva attirato l’attenzione del titolare del locale. Per non pagare la consumazione, lo straniero si era allontanato frettolosamente, lasciando sul posto il proprio zaino.
Il proprietario del bar ha quindi richiesto l’intervento della Volante e gli agenti, durante il controllo dello zaino, al suo interno hanno trovato 5,9 grammi circa di shaboo, documenti d’identità ed effetti personali.
All’oscuro dell’accaduto, lunedì 4 settembre, l’uomo si è recato presso il Commissariato “Garibaldi Venezia” per denunciare lo smarrimento dei suoi documenti d’identità ed è stato posto in stato di fermo.
Come disposto dall’Autorità Giudiziaria è stato associato presso il carcere di San Vittore in attesa di giudizio.

Leggi anche:
Spaccio shaboo Milano, la droga che arriva dalle Filippine; ecco perché è pericolosissima
Bilancio contrasto shaboo Carabinieri Milano 2016, 52 arresti e oltre 4 chili sequestrati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here