Laboratorio cinese abusivo Monza, 23 posti letto in 70 metri quadri

Lavoravano senza sosta contraffacendo capi sportivi dei marchi più noti; in 4 sono stati portati in Questura

sequestro Gdf MilanoL’operazione è stata eseguita dalla Gdf di Treviglio (Bergamo): due laboratori abusivi cinesi, con 15 persone irregolari.
Secondo quanto spiegato, le Fiamme Gialle hanno fermato un furgone condotto da cinesi: al suo interno hanno trovato capi di abbigliamento sportivo (tra cui magliette, pantaloncini, sciarpe) con i colori sociali e i loghi di famose squadre di calcio, tutti contraffatti.
Aperta un’indagine, i militari sono risaliti a due ditte del Bergamasco, che avevano ceduto i capi in conto lavorazione all’azienda dei cinesi.
Da qui la perquisizione di  un laboratorio e un appartamento vicino a Monza, e delle due imprese bergamasche.
Durante le operazioni sono stati identificati 15 cittadini cinesi, dei quali quattro irregolari nel laboratorio e nell’appartamento.
I locali inoltre, sono risultati in stato di degrado e pessime condizioni igieniche (c’erano 23 posti letto in 70 metri quadrati).
Al termine dell’indagine, i finanzieri hanno sequestrato oltre 400 capi di abbigliamento e denunciato tre persone per contraffazione, alterazione e uso di marchi o segni distintivi; i 4 uomini irregolari invece sono stati accompagnati alla Questura di Milano per la procedura d’espulsione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here