Arresto bracconiere recidivo Brescia, aveva 12 denunce

Predava uccelli di specie protette; processato per direttissima, l’arresto è stato convalidato

L’arresto in flagranza è stato eseguito dai Carabinieri forestali di Vobarno, Salò e Gavardo, in località “Guine”, nel Comune di Roè Volciano (Brescia): fermato un bracconiere recidivo mentre predava uccelli di specie protette dalla Convenzione di Berna.
Secondo quanto spiegato, il malvivente stava catturando le povere bestiole con alcune reti; bloccato e perquisito dai militari, è risultato in possesso di altri uccelli catturati vivi e appartenenti a specie protette, nonché di una terza rete da uccellagione e una gabbia-trappola.
Una volta identificato, l’uomo è risultato aver ricevuto, negli ultimi anni, ben 12 denunce, ed è stato arrestato per furto, in considerazione anche del fatto che era recidivo, per furto aggravato di fauna selvatica (in quanto patrimonio indisponibile dello Stato).
Al processo per direttissima, il bracconiere ha ricevuto la convalida dell’arresto e il giudice ha stabilito per lui l’obbligo di presentazione a un Ufficio di Polizia giudiziaria, in attesa dell’udienza di merito.
Nei suoi confronti è risultato anche un decreto, firmato dal prefetto di Brescia, che gli vieta di detenere armi, munizioni e materie esplodenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here