Arresto Giuliano Adriani Pinoy Club e segretaria, fabbricavano falsi permessi di soggiorno

Le Forze dell’Ordine hanno scoperto un’organizzazione criminale che, sfruttando la normativa sull’emersione per colf e badanti attiva dal 2009, chiedeva fino a 8mila euro approfittando dei clandestini che si affidavano loro per regolarizzare la propria posizione.

 

 

 

 

A finire in manette sono state 6 persone, tra le quali:

  • 2 egiziani;
  • il presidente dell’Associazione No-profit “Pinoy Club”, Giuliano Adriani, 51 anni;
  • la segretaria del “Pinoy Club”, una libanese di 31 anni.
  • A questi ultimi sono stati concessi gli arresti domiciliari.

 

Tra gli obiettivi dichiarati dalla stessa Associazione No-profit “Pinoy Club”, risultava quello di:

  • “tutelare e promuovere il principio di legalita’ al fine di difendere il diritto dei cittadini ad una vita tranquilla, nel pieno rispetto dell’ordinamento legale vigente”.

 

Per tutti, le accuse sono di:

  • associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento della permanenza di clandestini sul territorio italiano;
  • contraffazione;
  • falso,
  • furto;
  • ricettazione.

 

Dalle indagini condotte, è emerso che l’organizzazione agiva tra:

  • Milano;
  • Lodi;
  • Cremona;
  • Vercelli;
  • Biella.

 

Leggi anche:

Documenti falsi Milano, fondi per contrastare il boom

Estorsioni per permessi di soggiorno, sequestrato phone center via Graziano Imperatore 40 zona Niguarda e arrestati i titolari


Di Redazione

4 COMMENTI

  1. Buongiorno,il mio conmento che ho conosciuta a queste persona, sono sta bene assistita di loro,mai ho visto niente scoretto strano,non riesgo a capir questo,ho visto tutto in regola come tutti il centro che orientano al straniero che no sa come muoverse cui.Mi dispiace tantisimo

  2. GLI UFFICI DEL PINOY CLUB SONO STATI RIAPERTI PER ORDINANZA DEL TRIBUNALE DI MILANO 18/07/2011 E QUESTO E IL PRIMO PASSO VERSO LA VERITA’ ALLA TOTALE ESTRANEITA’ DELL’ASSOCIAZIONE PINOY CLUB E DEL SUO PRESIDENTE OLTRE AL PERSONALE VOLONTARIO A SUO MALGRATO COINVOLTO

    COMUNQUE IL PINOY CLUB CON SEDE IN VIA MARCONA 34 E RIAPERTO
    VI ASPETTIAMO CI SCUSIAMO CON GLI ASSOCIATI PER IL DISAGIO CAUSATO

  3. GLI UFFICI DEL PINOY CLUB SONO STATI RIAPERTI PER ORDINANZA DEL TRIBUNALE DI MILANO 18/07/2011 E QUESTO E IL PRIMO PASSO VERSO LA VERITA’ ALLA TOTALE ESTRANEITA’ DELL’ASSOCIAZIONE PINOY CLUB E DEL SUO PRESIDENTE OLTRE AL PERSONALE VOLONTARIO A SUO MALGRATO COINVOLTO
    COMUNQUE IL PINOY CLUB CON SEDE IN VIA MARCONA 34 E RIAPERTO
    VI ASPETTIAMO CI SCUSIAMO CON GLI ASSOCIATI PER IL DISAGIO CAUSATO

  4. Per fortuna faccio ricerche prima di affidarmi ad ” associazioni” non trasparenti, immagino che per mancanza di prove o ” altro” non siano riuscirti a far chiudere questo posto,non puo’ esistere piu’ fiducia in questi posti che sfruttano la disperazione degli stranieri,…ma un giorno vi finira’ la pacchia!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here