Arrestatati rapinatori che si travestivano da poliziotti per depredare vittime in tutto il Nord Italia. Tra i “ferri del mestiere” anche 33 parrucche

L’operazione è stata effettuata dagli agenti del reparto Volanti della Questura di Milano.

 

 

Tra i membri della banda, i due uomini pachistani avrebbero compiuto, lo scorso 8 giugno 2010, una rapina ai danni di due cuochi iraniani, bloccati e perquisiti in zona Repubblica.

 

La refurtiva era stata di 3mila euro, ma le vittime erano riuscite a segnalare il numero di targa dell’auto dei fuggitivi, dando modo agli agenti (quelli veri!) di ritrovare la vettura parcheggiata vicino a un residence in zona Ripamonti.

 

Durante le perquisizioni scattate successivamente in 4 appartamenti, i poliziotti hanno trovato e sequestrato diverse banconote, da franchi svizzeri a valuta indiana, e 3.500 euro nascosti in una bottiglietta di deodorante.

 

In più, tra i “ferri del mestiere” anche distintivi falsi di diverse polizie straniere e un assortimento di ben 33 parrucche, per non trascurare nessun genere di identità!

 

Sequestrate anche due auto (una delle quali è risultata intestata a un pregiudicato gia’ proprietario di altri veivoli), e denunciati i due truffatori pachistani per false attestazioni, mentre un iraniano di 22 anni e’ stato indagato per violazione della legge sull’immigrazione.

 

Dalle indagini sembra che i malviventi siano responsabili di varie rapine effettuate in tutto il Nord Italia. Sono in corso gli accertamenti.

 

Di Redazione