Arrestato marocchino latitante Lainate, aveva accoltellato un connazionale 4 mesi fa

ArrestoDopo mesi di indagine, i Carabinieri della Stazione di Lainate sono riusciti ad arrestare l’autore dell’accoltellamento accaduto il 20 gennaio 2010 davanti al Bar “Centrale”.

 

L’ACCOLTELLAMENTO DEL 20 GENNAIO – Intorno alle 4 del mattino del 20 gennaio 2010,  B.Y., 38enne marocchino, si era presentato al Pronto Soccorso di Rho in fin di vita, a causa di una ferita da coltello al fianco sinistro ed al braccio destro. Subito mobilitati, i medici erano riusciti ad arrestare l’emorragia e a contenere le lesioni con 30 giorni prognosi.

 

L’INIZIO DELLE INDAGINI – I Carabinieri avevano dato immediatamente inizio alle indagini, ricostruendo che intorno alla mezzanotte precedente, davanti al Bar Centrale di Lainate, si era scatenata una lite tra extracomunitari a seguito della quale si era verificato l’accoltellamento. (poi risultato essere un regolamento di conti legato allo spaccio di stupefacenti).

 

L’IDENTIKIT – Il minuzioso vaglio delle testimonianze permise, dopo alcune settimane, di elaborare un identikit e quindi di identificare con certezza l’autore: R.C., 24enne marocchino, nullafacente, clandestino e pregiudicato.

 

L’EMISSIONE DELL’ORDINANZA DI CUSTODIA CAUTELARE – Il GIP di Milano, concordando con le risultanze investigative prodotte, ha quindi emesso nel mese di marzo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo, il quale si è reso irreperibile.

 

L’ARRESTO DI IERI – Nel pomeriggio di ieri una pattuglia della Stazione di Lainate, che aveva come sempre al seguito le foto segnaletiche dei principali ricercati della Provincia, mentre transitavano in via Santa Virginia, ha controllato un extracomunitario somigliante al ricercato. Quest’ultimo, sprovvisto di documenti, ha fornito generalità poi risultate false. La verifiche delle impronte nella banca Dati dei pregiudicati ha fornito la prova decisiva: si trattava proprio dell’accoltellatore.

 

L’APERTURA DELLE PORTE DI SAN VITTORE – Il marocchino, catturato dopo 4 mesi di latitanza, è stato subito tradotto nel carcere di San Vittore a Milano. Dovrà rispondere di tentato omicidio.

 

 

Leggi anche:

Tenta di accoltellare i genitori a Lainate

Incidente operaio fabbrica di dolciumi Perfetti a Lainate

 

Di Redazione