Arrestato presunto prete pedofilo a Milano, Don Domenico Pezzini

Don Pezzini, ex docente universitario, era noto soprattutto per essere fondatore e Guida Pastorale di gruppi omosessuali cattolici.

 

 

GLI ABUSI – Le accuse che hanno condotto il sacerdote a San Vittore risalgono a fatti accaduti quando un ragazzino straniero, ora maggiorenne, aveva appena 13 anni.

 

Il sacerdote lo aveva notato abbandonato a se stesso in un giardino pubblico della periferia di Milano, e l’aveva preso sotto la propria protezione. I sostegni nei riguardi del giovane erano stati non solo economici ma anche culturali, poiché Don Pezzini l’aveva instradato agli studi, fino al giorno in cui era stato trasferito in una comunità di accoglienza.

 

Qui, lentamente, il ragazzino ha iniziato a raccontare degli abusi che avrebbe subito, facendo scattare le indagini.

 

IL MATERIALE RITROVATO A CASA DEL PRETE – Al momento dell’arresto, le Autorità hanno rinvenuto nell’abitazione di Don Domenico anche materiale pedopornografico.

 

I CENTRI DI ACCOGLIENZA PER GLI OMOSESSUALI – Proprio in prima persona Don Pezzini aveva partecipato a svariati convegni che affrontavano il delicato tema della conciliazione tra omosessualità e religione, sostenendo la necessità di istituire, all’interno della diocesi, punti di accoglienza e sostegno per gli omosessuali.

 

Leggi anche:

 

Denunciato sito degli orrori: centinaia di bambini fotografati e ripresi mentre facevano sesso con animali

 

Pedofilia on line, 520 persone avevano messo in condivisione un file contenente 1.317 immagini pedopornografiche

 

Pedofilia, in manette il gallerista Francesco Tadini: aveva foto di bambini seviziati e aveva tentato di ottenere appuntamenti con bambine di 3 anni

 

Di Redazione