Corrieri disabili importavano cocaina per conto di narcotrafficanti. Sgominata la banda e sequestrati 113 chili di cocaina

DrogaLe indagini erano iniziate nell’aprile 2009.

 

Le Fiamme Gialle hanno smantellare l’intera organizzazione arrestando 14 trafficanti tra italiani, colombiani, boliviani e tunisini, e sequestrando ben 113 chili di cocaina destinati al mercato milanese.

 

L’organizzazione faceva capo a M.P., calabrese residente a Rogoredo di 62 anni e con precedenti specifici, che gestiva le operazioni da un residence della periferia insieme a un colombiano e un tunisino tra i 50 e i 60 anni, importanti esponenti del “cartello” colombiano a Milano.

 

Anche disabili di varia nazionalità tra i corrieri che importavano grosse quantita’ di cocaina dal Sud America a Milano: si faceva leva sulla loro disperazione e, per pochi soldi, gli venivano fatti ingerire ovuli di cocaina.

 

Per i 14 membri dell’organizzazione sono scattate le accuse di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, detenzione illecita di armi, ricettazione e uso di documenti falsi.

 

Leggi anche:

Cocaina dal fruttivendolo in via Padova 80

Sfilata Ferragamo con spaccio di droga in piazza Affari. Arrestato autista-cameraman in possesso di 6 dosi di cocaina pronte da smerciare

Cocaina sciolta nei vestiti e trasportata dal Perù fino a Milano

Un convento di suore nel centro milanese era l’anello di un traffico di cocaina tra cosche calabresi e colombiane

Cocaina sequestrata ad Assago, due chili di polvere bianca purissima erano destinati a corso Como e alle Colonne di San Lorenzo

 

Di Redazione