Maxi sequestro di cocaina all’aereoporto di Malpensa

BulloniUna spedizione proveniente dalla Costa Rica ha suscitato i sospetti della Guardia di Finanza di Malpensa e del personale dell’Agenzia delle Dogane che, nei magazzini della “Cargo City” dell’aereoporto, hanno individuato un pacco contenente un cofanetto di legno. Al suo interno, 4 grossi bulloni si sono rivelati il nascondiglio per un quantitativo di 16 chili di cocaina.

 

 

Dall’inizio del 2010 i sequestri hanno fruttato un totale di 28 chili di polvere bianca purissima, dilazionati in 20 spedizioni provenienti soprattutto dall’America del Sud, destinate alle organizzazioni criminali e allo spaccio. Se giunte sul mercato, avrebbero reso all’incirca 40 milioni di euro.

 

I metodi di occultamenti sono sempre più ingegnosi, e le sostanze stupefacenti sono state nascoste nei luoghi più originali come flaconi di shampoo, tappeti, statuette e così via. Alla base del successo delle operazioni, sono le avanzate metologie di analisi dei rischi messe in atto dai finanzieri di Malpensa, nonché le capacità delle unità cinofile.

Tuttora in corso le indagini sulla droga sottoposta a sequestro, dirette dal Sostituto Procuratore  della Repubblica di Busto Arsizio, Dott. Roberto Pirro.

 

                                                                                           Di Redazione