Polizia capannone via Caldesi zona Bovisa, sequestrata una discoteca abusiva dopo aver intercettato gli annunci della serata su internet

Polizia_LocaleLa Polizia Locale ha fatto irruzione durante la notte di sabato 12 giugno in un capannone di 500 mq in via Caldesi, quartiere Bovisa, trasformato abusivamente in discoteca. Gli agenti hanno trovato un dj che sparava musica a tutto volume e oltre 100 persone che ballavano. 

 

 

L’organizzatore del raduno, un italiano presidente di un circolo privato, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per violazione delle norme di sicurezza e multato di circa 5.000 euro per mancanza delle autorizzazioni necessarie a svolgere attività danzante e somministrazione di bevande.

 

Gli agenti della sezione Annonaria e commerciale avevano intercettato su Internet gli annunci della serata e nella notte è scattata l’operazione.

 

L’organizzatore chiedeva un pagamento di 10 euro per l’ingresso.

 

“Un luogo sovraffollato e nessuna misura di sicurezza. Una situazione, – fa notare il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato, – che avrebbe potuto trasformarsi in tragedia.

 

In una sola settimana – conclude De Corato – Polizia Locale e Forze dell’ordine sono intervenute in 3 circoli privati, in via Marocco, via Solone e via Bordoni, e in una discoteca, il ‘Matisse’ di via Plinio. Questo dimostra che l’attenzione su questo fronte è sempre alta, e non certo per spegnere il divertimento dei giovani milanesi, ma per tutelarli e difenderli da chi mette in pericolo la loro sicurezza e turba la quiete dei residenti delle zone circostanti”.

 

 

 Leggi anche:

Chiusa la discoteca Matisse Città Studi piazza Carlo Erba

 

Di Redazione