Presi writers metropolitana Lotto Milano, foto

“In questo momento storico, il numero di treni di Atm graffitati è quasi pari a zero, un risultato che non si vedeva da anni, frutto del grande lavoro del Servizio Security”

X-Gate - Sviluppo software e servizi

metrowriteratmNella serata del 9 agosto 2017, intorno alle 21.50, il personale della Security di Atm e gli uomini della Polizia di Stato hanno fermato tre writers nel tronchino di Lotto M1: le guardie armate Atm sono riuscite a impedire la fuga dei tre bloccando le vie d’uscita e consentendo l’intervento delle pattuglie della Polizia giunte in pochi minuti sul posto.
I graffitari, due di nazionalità tedesca e un lituano, sono stati visti dalla centrale operativa di Atm, grazie al sistema di telecamere, mentre si introducevano in galleria dalla banchina della stazione di Lotto.
La circolazione dei treni è stata prontamente sospesa per precauzione, ed è stato attivato un servizio sostitutivo con bus. Atm ha quindi inviato il proprio personale sul posto e allertato la Polizia di Stato, seguendo le procedure di intervento condivise con le Forze dell’Ordine.
Una pattuglia della Security ha bloccato con l’automobile di servizio e presidiato le due grate esterne. Nel frattempo, due uomini della vigilanza Atm correvano verso i ragazzi e, dall’altra direzione, gli agenti della Polizia si dirigevano verso i writers in fuga, riuscendo a catturarli.
Nei primi 6 mesi del 2017 si rileva una forte diminuzione del numero di eventi: dai 98 del 2016 ai 50 nello stesso periodo del 2017; gli imbrattamenti totali sono passati da 48 a 33 e i casi di imbrattamenti parziali e sventati dalle squadre Security sono passati da 50 a 17. La conferma arriva anche dalla diminuzione (-67%) del numero di writers fermati: 8 tra gennaio e giugno di quest’anno, rispetto ai 21 fermati nello stesso periodo dell’anno scorso.
“In questo momento storico, il numero di treni di Atm graffitati è quasi pari a zero – ha sottolineato ATM –, un risultato che non si vedeva da anni, frutto del grande lavoro del Servizio Security”.