Profanato cimitero di Bruzzano per rubare il rame contenuto nei tetti delle cappelle

Le attività dei malviventi non si fermano più davanti a niente e, a farne le spese, adesso sono pure gli estinti, ai quali viene impedita la pace anche nell’eterno riposo.

 

A Bruzzano, infatti, una piccola frazione alle porte di Milano, l’odiosa “nuova moda” sembrerebbe quella di compiere spregevoli furti al cimitero, profanando tombe e cappelle allo scopo di sottrarre soprattutto il rame contenuto nei tetti di alcuni alloggi funerari.

 

E gli episodi non sembrano voler terminare poiché, prima di quanto accaduto durante la notte di venerdì 2 e sabato 3 luglio 2010, già si erano verificate altre 2 incursioni a scopo di reato, nonostante la presenza di un vigilante che per tre volte controlla il cimitero lungo tutto il perimetro esterno.

 

Tra la rabbia e l’indignazione degli abitanti del luogo, sono intanto in corso le indagini per identificare i responsabili.


Leggi anche:

Oggi, arrestati 3 romeni che tentavano di asportare cavi elettrici tra Greco e Sesto San Giovanni. Ieri, bloccato un camion con 8 tonnellate di rame  

 

Di Redazione