Prostituzione a Bustighera, un bordello in una villetta in via Di Vittorio

CCE’ accaduto a Bustighera, una frazione di Mediglia, nel Parco Sud di Milano.

 

Un insolito viavai di uomini attorno alla villetta di via Di Vittorio, e in breve tempo sono scattate le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di San Donato Milanese.

 

La dinamica rilevata era sempre più o meno identica: arriva un uomo, “si intrattiene” per una trentina di minuti, e poi si allonta. Poi un altro. Un altro ancora e così via, in continuazione.

 

Ma quando i militari si sono presentati per un’ispezione a sorpresa, la sorpresa l’hanno avuta loro, trovandosi accolti da una schiera di bellone ungheresi più svestite che vestite, coperte a malapena da sottovesti, micro-abiti trasparenti e mini-bikini.

 

Rimanendo “stoici” nella loro missione, i militari hanno perquisito l’abitazione rinvenendo computer, abiti succinti, candele e addirittura un vero e proprio tariffario: da 50 a 200 euro per ogni prestazione.

 

La mente di tutto questo era un ragazzo italiano-ungherese di 35 anni, C.E., originario di Roma, che curava “amorevolmente” ogni minimo dettaglio: fare la spesa, lavare il bucato, scrivere gli annunci, selezionare i siti dove inserirli e, soprattutto, acquistare le schede telefoniche necessarie per far chiamare i clienti garantendo loro il “ più prudente” anonimato.

 

Il 35enne è stato denunciato per favoreggiamento della prostituzione, mentre le ragazze sono state condotte alla caserma di San Donato. Vestite, ovviamente!

 

Di Redazione