San Vittore, 4 ragazzi lanciano due bombe carta all’interno delle mura del Carcere

s.vittoreAlle 4 del mattino della notte scorsa, 4 ragazzi hanno lanciato 2 bombe carta all’interno del cortile del carcere milanese di San Vittore.

 

 

Il segretario nazionale della Uil Pa Penitenziari, Angelo Urso, ha dichiarato che l’esplosione non ha provocato feriti, ne’ ha danneggiato la struttura. Un episodio analogo era avvenuto il 31 marzo 2010.

 

Urso ha spigato che l’esplosione ha fatto scattare l’intervento degli agenti della polizia penitenziaria; uno dei responsabili dell’accaduto, un ragazzo di appena 20 anni, E.P., è stato arrestato e verrà sottoposto a processo per direttissima. Tra le accuse a suo carico, anche resistenza e lesioni a pubblico ufficiale: al momento dell’arresto, infatti, è intercorsa una colluttazione tra lui e i 2 agenti che lo hanno bloccato, uno quali è finito in ospedale con una prognosi di 4 giorni.

 

I 3 complici, invece, sono riusciti inizialmente a fuggire, dirigendosi verso il vicino Parco Solari. Qui sono stati però bloccati dagli agenti del reparto Volanti, chiamati da un passante, un uomo di 59 anni, allarmato dall’esplosione.

 

Il trio è composto da due ragazzi di 25 e 26 anni e da una ragazza di 26. Tutti i componenti del gruppo, incluso il ventenne arrestato, è composto da residenti a Milano e provincia, e si tratta di nomi gia’ noti alle forze dell’ordine.

 

“Sembra che i ragazzi fuggiti – precisa ancora Angelo Urso – si siano poi costituiti presso altre autorita’ di polizia”.

 

“Il bilancio conclusivo – aggiungono dalla Questura – e’ di un arresto e di tre denunciati”.

 

Intanto, sull’accaduto indaga la Digos, guidata da Bruno Megale.

 

Di Redazione