Sgomberata famiglia clan Tatone da appartamento Quarto Oggiaro via Lopez

Polizia_di_StatoPoteva finire in tragedia lo sgombero effettuato ieri dalle Forze dell’Ordine in via Lopez 8 a Quarto Oggiaro, nella periferia di Milano. 

 

 

Gli ispettori Aler e gli agenti della Polizia sono intervenuti per sgombrare un appartamento occupato abusivamente dalla famiglia del presunto boss della mala Mario Tatone.

 

Una volta giunti nell’abitazione, l’uomo ha reagito malissimo alla vista degli agenti, impugnando un coltello, minacciando e insultando tutti i presenti.

 

La madre di Tatone, regolare assegnataria dell’alloggio adiacente, ha aggredito con dei bastoni gli agenti e gli addetti dell’azienda di viale Romagna e ha colpito il medico, abitualmente presente durante gli interventi per questioni di sicurezza.

 

Tatone poi si e’ avventato contro il mobilio dell’abitazione, distruggendo i sanitari prima di essere allontanato. Alla fine l’alloggio e’ stato sigillato e rienterà nel circuito delle assegnazioni.

 

“Un altro colpo inflitto a uno dei clan malavitosi – commenta il vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato – che teneva in ostaggio i residenti di Quarto Oggiaro. Quanto portato a termine è a testimonianza che l’amministrazione continua la sua battaglia contro chi ingiustamente e illecitamente usurpa il diritto di un alloggio a quanti ne hanno fatto regolare richiesta”.

 

Con lo sgombero di oggi “salgono a 40 – sottolinea il presidente di Aler, Loris Zaffra – gli interventi di recupero effettuati da Aler a Quarto Oggiaro, dal passaggio di gestione dai privati. Con il servizio di prevenzione dell’abusivismo siamo riusciti ad azzerare completamente le nuove occupazioni”.

 

Leggi anche:

Sgombero Quarto Oggiaro, via Pascarella

Trovato il forno pieno di droga durante uno sfratto a Gratosoglio

Sgomberate case popolari a Baggio e Quarto Oggiaro. Una delle abusive, nota come “La nonna degli zingari” era intestataria di 20 automobili

Arrestato un ispettore della “Gefi”, la società che nel 2008 gestiva le case popolari del Comune. Chiedeva sesso per bloccare le pratiche di sgombero

Di Redazione