Studenti e lavoro, oltre 100mila euro in buoni dedicati agli studenti-lavoratori tra i 16 e i 25 anni

Giovanni_TerziSostenere gli studenti che si affacciano sul mondo del lavoro e promuovere una cultura della legalità in ambito lavorativo. Con questi obiettivi la scorsa estate è nato il progetto “Buoni Lavoro”, la cui sperimentazione prosegue anche quest’anno, da giugno a dicembre.

 

L’INIZIATIVA – “Dopo il successo registrato nel 2009 in concomitanza con l’iniziativa Milano Aperta ad Agosto – ha commentato l’assessore alle Attività produttive, Politiche del Lavoro e dell’Occupazione Giovanni Terzi – l’Amministrazione ha deciso si proseguire con la sperimentazione dei buoni-lavoro, con un cofinanziamento di 109.000 euro (pari al 90% della spesa) per l’acquisto dei voucher”.

 

GLI STUDENTI DESTINATARI DEI BUONI – Beneficiari dell’iniziativa saranno gli studenti di età compresa tra i 16 e i 25 anni (non compiuti), regolarmente iscritti a un ciclo di studi presso istituti universitari o scolastici di ogni ordine e grado che possono, secondo le direttive INPS, prestare lavoro occasionale in qualsiasi settore produttivo sia durante i sabati e le domeniche, che nei periodi di vacanza e in quelli liberi da impegni scolastici.

 

I DATORI DI LAVORO – I datori di lavoro potranno acquistare, rivolgendosi alle associazioni di categoria (o presso l’Inps), i voucher e consegnarli agli studenti in base agli accordi e dopo aver quantificato le ore lavorative effettuate.

 

GLI ENTI SOSTENITORI – Collaborano al progetto Unione Confcommercio Milano (che gestisce direttamente il rapporto con i propri associati attraverso Promo.Ter) e Confesercenti, mentre sul piano organizzativo la gestione è affidata ad Accor Services Italia srl che si occuperà della prenotazione e rendicontazione dei voucher.

 

GLI ACCESSI SCOLASTICI PROMOSSI – Il Comune e le associazioni di categoria, infine, promuovono e sostengono la formazione degli studenti che parteciperanno all’iniziativa invitandoli a frequentare la Scuola Superiore del Commercio, Turismo, Servizi e Professioni e il Cescot, Centro Sviluppo Commercio Turismo e Terziario della Provincia di Milano. Nei corsi verranno fornite informazioni anche sulle corrette prassi igieniche e sanitarie nel contatto con gli alimenti.

 

I SUCCESSI DELLA PRIMA EDIZIONE – La prima sperimentazione, nata con l’obiettivo di incentivare l’apertura dei negozi nel mese di agosto, ha coinvolto 33 esercizi commerciali, nella quasi totalità appartenenti al comparto della somministrazione di cibi e bevande. Gli assunti sono stati 44, equamente divisi tra ragazzi e ragazze, per un totale di 3.886 buoni lavoro.

 

Per informazioni e per scaricare i moduli di richiesta, CLICCA QUI.

 

Di Redazione