Tentato suicidio con arresto per piante di marijuana

CCE’ successo la mattina di lunedì alle 10 circa tra Vigevano e Milano.

 

Un 38enne incensurato, V.A., ha tentato il suicidio ingerendo una dose abnorme di farmaci, forse a causa di una forte depressione. Tuttavia, nell’ultimo istante di lucidità, l’istinto di sopravvivenza ha avuto la meglio e con le ultime forze l’uomo ha chiamato il 118 e dato l’allarme.

 

Pochi istanti e sono quindi intervenuti soccorritori e militari ma, mentre gli operatori sanitari si occupavano di prestare le prime cure, i militari si sono subito accorti di qualcosa che non andava.

 

Nell’abitazione, infatti, ristagnava un odore decisamente “inconsueto” e, seguendone le tracce, i Carabinieri sono giunti nella sala da pranzo dell’appartamento, scoprendo un armadio trasformato in una vera e propria serra: al suo interno erano “allevate e accudite” 10 piante di marijuana alte circa 30 centimetri.

 

Ma c’è di più. E se nell’armadio della sala da pranzo c’era una serra, nel balcone della cucina c’era un bosco, poiché lì le piante coltivate dal 38enne disoccupato erano ben 35, alcune delle quali raggiungevano addirittura un metro e mezzo d’altezza.

 

Per l’uomo sono quindi scattate le manette; l’accusa è stata di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.


Leggi anche:

Sniffa cocaina e crede di essere aggredito dai draghi, per questo butta giù dalla finestra tutto quello che gli capita a tiro

Droga e alcool per tutti in piazza Castello, 1 maggio 2010 “Siamo tutti responsabili: l’indifferenza è un crimine”

Elogio dello spinello: farsi una canna fa davvero così male? Sentiamo le risposte dei medici 

 

 

Di Redazione

 

Foto Ambrosiana Pictures

 

  • Annalisa 83

    karma..!?