Aperto centro anziani via da Baggio, Il Monastero riapre in Zona 7

Ha riaperto al pubblico il centro socio-ricreativo per anziani “Il Monastero”, in via Anselmo da Baggio 54.

 

 

 

 

 

La struttura, fondata nel 2004, è stata sottoposta:

  • interventi alla struttura muraria;
  • lavori di imbiancatura;
  • rinnovo completo degli arredi.

 

Al suo interno si svolgono corsi:

  • di ginnastica,
  • ballo liscio,
  • ballo caraibico,
  • danza moderna,
  • informatica,
  • pittura su stoffa.

 

“Sono molto felice di essere qui con voi. Questo bellissimo centro, che fa parte di una rete di 28 strutture comunali distribuite su tutto il territorio, fornisce un servizio prezioso per i nostri anziani che gestiscono questi spazi autonomamente, – ha detto il Sindaco Letizia Moratti, presente all’inaugurazione insieme con gli assessori Mariolina Moioli (Scuola, Famiglia e Politiche sociali) e Andrea Mascaretti (Aree cittadine e Consigli di zona). – Realtà positive, importanti per garantire il benessere psicofisico degli anziani e il loro bisogno di svago e divertimento”.

 

“Abbiamo dedicato – ha commentato l’assessore Moioli – molte risorse ed energie alla ristrutturazione di questo centro, molto apprezzato. È stata realizzata anche una postazione per i personal computer a dimostrazione del fatto che i nostri anziani sono ancora molto attivi”.

 

“Il centro che inauguriamo – ha dichiarato l’assessore Mascaretti – completamente ristrutturato, è un importantissimo presidio sul territorio, contribuisce a lottare contro l’isolamento degli anziani e favorisce l’aggregazione, grazie alle tante iniziative dedicate al tempo libero, molto gradite ai nostri cittadini. Ringrazio il presidente Luigi Davenia, la vicepresidente Annalisa Favretto e tutti i collaboratori per il lavoro svolto con grande impegno per la ristrutturazione del centro”.

 

Dopo l’inaugurazione del centro per anziani, la visita è proseguita presso il Segretariato Sociale di Via Anselmo da Baggio.

 

Il Segretariato Sociale – ha proseguito il Sindaco – rappresenta un vero e proprio osservatorio dei bisogni dei cittadini. Una porta di accesso ai servizi, dai custodi sociali all’orientamento, dall’assistenza domiciliare all’affido, all’altezza di una grande città come la nostra. Una città che vanta un modello di welfare all’avanguardia, fondato sull’ascolto e sull’attenzione per la persona”.

 

“Il Segretariato Sociale – ha dichiarato l’assessore Moioli – è un nodo strategico per l’incontro tra i bisogni della cittadinanza e tutte le possibilità di risposta. Il servizio di orientamento e accompagnamento nell’utilizzo delle informazioni favorisce la trasparenza e la fiducia nei rapporti tra cittadino e Comune”.

 

Oltre al Segretariato Sociale, nella medesima struttura sono presenti anche:

  • un presidio dei custodi sociali,
  • un centro multiservizi anziani,
  • un laboratorio di terapia occupazionale
  • i servizi sociali per la famiglia.

 

Leggi anche:

Scarica gratis la guida Realtà del sociale 2010-2011 – contatti, servizi di associazioni e cooperative sociali per disabili, anziani, famiglia, adulti

Nuova mensa per poveri via Saponaro 40, orari e modalità per accedervi

Nuovo poliambulatorio all’Opera San Francesco


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here