Riqualificazione ostello Piero Rotta via Martino Bassi, la prima opera di Expo 2015 è per i giovani

Il complesso dell’Ostello della Gioventù “Piero Rotta”, in via Martino Bassi 2, ha 48 anni: era necessario un intervento radicale  per migliorarne la qualità e il livello del servizio d’accoglienza.

 

I GIOVANI STUDENTI – L’Ostello rappresenta circa il 60% di tutte le presenze delle 7 strutture analoghe presenti sul territorio lombardo, e costituisce da solo la più importante  realtà di riferimento per i tanti  turisti e i giovani studenti che quotidianamente giunge nella nostra città. Di questi il 58%  ha un’ età compresa tra i 18 e 25 anni: il  58,96% proviene da Paesi UE; il 21,4% dal continente americano e solo il 15,5% dal resto dell’Italia, con una permanenza media di 2 giorni.

 

INIZIO LAVORI RIQUALIFICAZIONE – Nel luglio 2009 il Sindaco Moratti aveva dato il via ai lavori di riqualificazione.

 

INTERVENTI REALIZZATI PER LOTTI – Le opere sono realizzate per lotti, permettendo così di non chiudere la struttura.

 

LA STRUTTURA INAUGURATA – L’inaugurazione effettuata riguarda:

  • le 24 camere (a 2, 3, 4 letti con servizi privati) dell’ intera area di 700 mq al terzo piano;
  • il rifacimento di tutti gli impianti elettrici e dei servizi ausiliari;
  • è garantita l’accessibilità e la fruizione di tutta la struttura anche alle persone diversamente abili.

 

IL COMMENTO DEL SINDACO LETIZIA MORATTI – “Sono orgogliosa e felice di inaugurare la prima opera infrastrutturale di Expo Milano 2015, e di presentare alla città la riqualificazione di un lotto importante dell’ Ostello Piero Rotta, che porterà l’edificio a ospitare, entro il 2013, circa 270 persone, in linea con gli standard internazionali e modello di riferimento all’avanguardia per interventi ecocompatibili”.“Il nuovo Ostello “Piero Rotta” completa un’offerta rivolta ai giovani, agli studenti e alle famiglie, anche in previsione di Expo Milano 2015, che attirerà moltissimi giovani da centinaia di Paesi. Ci saranno volontari, ricercatori, tecnici, studenti, giornalisti, educatori. Ragazze e ragazzi, ma anche famiglie, interessate a vario titolo al tema dello sviluppo sostenibile”. “L’intero edificio sarà connesso in modalità Wi-Fi, ma c’è di più: l’edificio sarà dotato della certificazione ambientale  Green Key della Foundation for Environmental Education, che garantisce  il  rispetto dei criteri di ecosostenibilità e di tutela dell’ambiente da parte della struttura, inclusi i processi di lavoro che si svolgeranno all’interno. Penso all’installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica  e acqua calda in modo ecologico. E’ anche in fase di studio, da parte degli esperti del Politecnico di Milano, la realizzazione di un impianto di raffreddamento estivo a basso impatto ambientale che sfrutterà la naturale  falda acquifera milanese. Un modello anche a livello di edilizia ambientale”.

 

IL COMMENTO DELL’ASSESSORE AL TERRITORIO, IDENTITA’ E MARKETING DI MILANO – “Il nuovo Ostello” ha precisato l’assessore Alessandro Morelli “rientra in una progettualità finalizzata alla creazione di un modello turistico che favorisca i giovani attraverso l’introduzione di ulteriori facilitazioni e riduzione dei costi, specie in vista di Expo Milano 2015. Un turismo su cui Milano punta con scelte di investimento e di sviluppo per incoraggiare e rendere accessibili al maggior numero di giovani gli scambi di cultura nazionali ed internazionali anche nel corso delle basse stagioni e permettere agli alberghi e altre tipologie di strutture di migliorare il loro l’utilizzo e la loro produttività”.

 

PER INFORMAZIONI – Per ulteriori informazioni chiamare lo 02.02.02

 

Leggi anche:

Residence low cost San Vittore per accogliere giovani e studenti con massima qualità

Centri accoglienza – residenziali per disabili del Comune di Milano: recapiti e contatti per rendere autonomi i disabili nella loro vita di adulti

Casa per disabili via Betti 62, struttura per avverare il desiderio di indipendenza di chi ha più difficoltà


di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here