ABI-TANTI la moltitudine migrante, piazza Duomo Milano 21 maggio 2011: un grande gioco-installazione in nome di un’azione creativa frutto del pensare Noi piuttosto che Io

Sabato 21 maggio piazza Duomo a Milano si colorerà dell’installazione “ABI-TANTI. La moltitudine migrante”, nell’ambito del progetto itinerante a cura del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea. La realizzazione dell’iniziativa è promossa da Milano Green Festival, che vuole proporre un evento di grande impatto volto a valorizzare il recupero di materiali e oggetti per creare insieme una città eco-positiva.

 

IL MESSAGGIO DELL’EVENTO – Gli ABI-TANTI sfuggono a qualsiasi definizione grazie al loro potente valore simbolico che li trasforma in uno specchio nel quale ognuno di noi può riconoscersi.

  • Gli Abi-tanti sono, infatti, tanti, tutti uguali, ma ognuno diverso dall’altro: nascono nomadi e non abitano case, sono creature semplici ma al contempo enigmatiche, arrivano da luoghi lontani e si riuniscono in silenzio invadendo le piazze pacificamente, quando se ne vanno sono più numerosi di quando erano arrivati e non lasciano alcuna traccia dietro di sé. La loro vista non suscita timore ma curiosità e rimette in gioco i concetti di identità e differenza.
  • ABI-TANTI è un’installazione ma soprattutto un grande gioco collettivo pensato per la piazza intesa come Agorà, spazio dell’incontro e del confronto.
  • Un progetto che nasce, nelle intenzioni del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, per favorire la relazione tra le persone e la riflessione su temi etici, politici e culturali nella dimensione pubblica.
  • Grazie agli ABI-TANTI l’azione creativa diventa il frutto del pensare “noi” piuttosto che “io”.

 

GRANDI E BEMBINI PORTANNO PRENDERE PARTE ALL’EVENTO

  • 6.000 coloratissimi Abi-tanti saranno pronti ad accogliere la cittadinanza, ma il clou dell’evento saranno i nuovi 500 che adulti e bambini, partecipando all’evento, potranno personalizzare. Come? Utilizzando i loghi dei Consorzi di Filiera e le scritte relative ai sei materiali di imballaggio riciclabili: acciaio, alluminio, carta e cartone, legno, plastica e vetro.
  • Ogni nuovo Abitante porterà con sé questo importante messaggio per l’ambiente in ogni futura tappa dell’evento.
  • A fine giornata, infatti, il popolo migrante degli Abi-tanti, arricchito dalle nuove creature Made in Milan, lascerà la città diffondendo così i messaggi di una cultura orientata alla valorizzazione e alla salvaguardia dell’ambiente, sottolineando l’importanza del ruolo dei cittadini che, attraverso la separazione quotidiana dei rifiuti di imballaggio e la raccolta differenziata, permettono il loro avvio a riciclo.

 

PATROCINI E SOSTEGNO – L’evento, che gode del Patrocinio del Comune di Milano, è reso possibile grazie al sostegno di Conai e dei singoli Consorzi di Filiera (Consorzio Nazionale Acciaio, Cial, Comieco, Corepla, Coreve, Rilegno) e della Camera di Commercio di Milano. Gli ABI-TANTI viaggiano con SAF Autoservizi FVG.

 

Leggi anche:

Giornata oasi WWF 22 maggio 2011 Lombardia, 100 aree aperte gratuitamente, programma regione per regione tra avvistamenti di cervi, caprioli, tracce di lupi, messa in libertà di rapaci e tartarughe marine, percorsi sensoriali di giorno e di notte e altro

Eventi Parchi Milano gratis, programma Parco in Comune PinC 2011, giochi, laboratori, concerti e avventura per bambini, diversamente abili, giovani e famiglie

Lettura fiabe per bambini Milano maggio e giugno 2011 Casa delle Culture del Mondo, ingresso gratuito tra antiche leggende, letture recitate, splendidi travestimenti e tanta allegria

Simposio internazionale Cesano Boscone 15 – 30 maggio 2011, programma tra arte, teatro, poesia, musica, letteratura e laboratori anche per disabili: l’arte oltre ogni barriera

Alice nel Paese delle Meraviglie Palazzina Liberty Milano 23 maggio 2011, gli alunni autistici Istituto Comprensivo Filzi daranno vita a un meraviglioso spettacolo tra danza, recitazione e una commovente canzone nel linguaggio dei segni


Di Redazione

1 COMMENTO

  1. Peccato che le due “organizzatrici” fossero maleducate e incapaci di spiegare il progetto. L’iniziativa era molto bella, ma non c’erano cartelli con la storia precedente, né spiegazioni. Le due ragazze hanno risposto in modo sgarbato alle nostre richieste e offendendoci perché avevamo avuto un’idea diversa (rovinando completamente il nostro sublime divertimento ecologico).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here