Inaugurata la “Casa di l’abilità”, la prima struttura italiana che ospiterà bambini disabili abbandonati alla nascita e in affido temporaneo

La Casa di L’abilità è il primo esempio italiano di residenza speciale dedicata a 2 tipologie di piccoli ospiti:

 

 

 

 

 

 

  • bambini con grave disabilità rimasti soli, ossia non riconosciuti alla nascita oppure allontanati dal nucleo di origine per decreto del Tribunale dei minori (otto posti);
  • bambini i cui genitori devono assentarsi temporaneamente e non sanno dove lasciare i figli, (2 posti).

 

Frutto di una fattiva collaborazione tra associazionismo, pubblico e privato, l’iniziativa de l’Abilità Onlus è convenzionata con il Comune di Milano ed è sostenuta da una cordata di quattro Fondazioni (Cariplo, De Agostini, Oliver Twist e Umano Progresso) che con un contributo di 610mila euro hanno finanziato il costo complessivo del primo anno di gestione.

 

“Con questo progetto – ha dichiarato il Sindaco Letizia Moratti – diamo una risposta concreta ai bisogni dei bambini con disabilità, privilegiando le situazioni di particolare disagio, e sostenendo allo stesso tempo le famiglie. Un percorso di accoglienza che mette al centro la famiglia e crea strumenti innovativi per sostenerla e aiutarla a superare momenti di fragilità e di emergenza. Un progetto importante che si avvale dell’impegno di più fondazioni e che vede, ancora una volta, pubblico e privato lavorare insieme per la tutela, in questo caso, del diritto all’infanzia”.

 

“L’Assessorato alla Salute ha accolto con entusiasmo e piena partecipazione programmatica la proposta di far parte di questo progetto di accoglienza – ha detto l’assessore alla Salute Giampaolo Landi di Chiavenna. – Abbiamo dunque sottoscritto una convenzione con L’Abilita’ Onlus affinché questa residenza diventi un’opzione stabile nell’insieme dei servizi per i disabili previsti dal Comune di Milano e in particolare dal Settore Handicap e salute mentale dell’Assessorato alla Salute”.

 

“Riteniamo infatti che il progetto  sia un paradigma virtuoso e costruttivo di come si possa coniugare l’esigenza di rispondere alla domanda di aiuto e supporto della cittadinanza – ha concluso Landi, – che è compito precipuo delle istituzioni, e l’intraprendenza del privato: di un privato che ha desiderio, volontà, senso di responsabilità civile e compartecipazione etica di fare parte di quel grande disegno a più voci che è la costruzione di una città a misura di essere umano, attenta alle fragilità, fertile di risorse e in ultima istanza, dunque, accogliente nella misura più vasta e solidale possibile”.

 

Per parlare con la coordinatrice della comunità: 320- 97.36.658

 

Per tutte le informazioni, le iniziative, lo spazio-gioco, i corsi per i genitori e tutti i programmi della Casa di L’abilità, CLICCA QUI

 

Leggi anche:

Emergenza 112, da oggi è attivo un numero unico anche per i non udenti che, sul territorio di Verona, potranno allertare polizia, sanitari, CC e VVFF

Bambini disabili a scuola, ecco i loro diritti quando le ore con l’insegnante di sostegno sono insufficienti

Inaugurata casa del volontariato piazza 25 Aprile, laboratorio sperimentale di formazione ed educazione al volontariato

Volontari Croce Verde cercasi, incontri dal 15 al 22 ottobre 2010

DAMA: cercasi volontari

LEDHA: Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità

Professore Conservatorio di Milano insulta disabili e afferma che si dovrebbe tornare a buttarli tutti giù dalla rupe Tarpea

 

Di Redazione
 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here