Calendario 2014 della Polizia di Stato a favore di Unicef per i bambini del Bangladesh, info e dati per acquistare una copia

Calendario PS 2014L’obiettivo dichiarato è quello di superare la somma raccolta lo scorso anno: ben 116 mila euro. A tanto, infatti, ammonta il ricavato della vendita della passata edizione del Calendario della Polizia di Stato 2013, una cifra che – in quell’occasione – era stata destinata al sostegno del progetto Unicef in Tanzania “Acqua e igiene nelle scuole”. E sempre ad un progetto Unicef – “Bangladesh – proteggere i bambini lavoratori e di strada” – sono destinati i proventi dell’edizione 2014 dell’ormai celebre Calendario della Polizia di Stato,  diventato autentico oggetto da collezione.

.

POLIZIA E UNICEF INSIEME DAL 2002 – Quella tra la Polizia e l’Unicef – il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia istituito nel lontano 1946 – è una partnership ormai consolidata e collaudata, che va avanti da circa 11 anni.

– Era il 2002, infatti, quando la Polizia di Stato ha cominciato a muovere i primi passi a fianco della nota organizzazione internazionale, in direzione di un impegno sempre più pragmatico. Volto, infatti, non solo al sostegno di molteplici programmi di formazione scolastica per bambini, ma anche a contrastare attivamente la violenza e lo sfruttamento dei minori ad ogni latitudine del globo.
– Un legame che si è poi pensato di rafforzare nel novembre 2008, con la firma di un protocollo d’intesa tra gli allora capo della Polizia, Antonio Manganelli, e il presidente di Unicef Italia, Vincenzo Spadafora. Un momento importante che, semmai ce ne fosse stato bisogno, aveva rafforzato la collaborazione delle Forze dell’ordine con l’Unicef, offrendo un’ulteriore spinta nel fornire un aiuto concreto  alle migliaia di bambini che si trovano in situazioni di difficoltà nei 156 Paesi in cui il Fondo dell’Onu è presente.

.

EDIZIONE CALENDARIO 2014 – Per quanto riguarda il calendario 2014, tutto ciò che verrà incamerato con le vendite verrà devoluto a beneficio dei 5.500 bambini del Bangladesh inseriti nel progetto “Proteggere i bambini lavoratori e di strada”.

– Il ricavato, infatti, permetterà di garantire un’assistenza continua mediante la costruzione di spazi permanenti a misura di bambino, rifugi notturni e temporanei, nonché offrire assistenza giuridica e legale, attività di integrazione per bambini ed adolescenti e reinserimento sociale.

– Il tutto è ovviamente finalizzato a prevenire la piaga del lavoro minorile, che in Bangladesh raggiunge cifre preoccupanti, facilitando l’accesso ai servizi di protezione e assistenza sociale per le famiglie più disagiate.

.

PROVENTI VENDITE A FAVORE DEI  BAMBINI DEL BANGLADESH – Il Bangladesh, ricordiamolo, è uno Stato dell’Asia tra i più densamente popolati al mondo, con un altissimo tasso di povertà (il 43,3% della popolazione è costretto a sopravvive con meno di 1 dollaro al giorno), che obbliga i bambini ad abbandonare gli studi prima di portare a termine la quinta elementare e a trovarsi un lavoro.

– Le ultime stime parlano di circa 5,8 milioni di ragazzini, tra i 10 e i 14 anni, che sono costretti a vivere ai margini della società e a lavorare senza alcuna tutela, né alcun tipo di contratto.

– Il progetto promosso dall’Unicef con il sostegno dalla Polizia di Stato mira, quindi, a far frequentare a questi sfortunati bambini quelle che ormai sono note come le “scuole di strada”, strutture di emergenza costruite appositamente per tenere corsi di recupero scolastico, venendo incontro alle esigenze dei numerosi bambini lavoratori costretti a vivere, il più delle volte, proprio sulla strada.

.

12 MESI CON LA POLIZIA – Le immagini presenti nel calendario della Polizia di Stato provengono da documentazione video o iconografica che immortala attività operative autentiche, svolte “sul campo”, realizzate dagli stessi protagonisti, o dai professionisti del settore, nel mezzo dell’azione.

– Fotogrammi forti, di assoluto impatto visivo ed emotivo, che ritraggono anche casi saliti alla ribalta delle cronache, o comunque capaci di colpire l‘immaginario collettivo.

– Si va dagli interventi degli agenti volti a reprimere la criminalità, passando alle operazioni di soccorso pubblico, fino ad arrivare alle semplici, ma non meno importanti ed impegnative attività svolte nel quotidiano, magari durante una comune operazione di ricognizione sul territorio.

– Dodici mesi, insomma, trascorsi con la Polizia. Il tutto all’insegna del coraggio e della solidarietà.

.

COSTO E INFORMAZIONI. Il costo è di € 8,00 per il calendario da parete e di € 6,00 per quello da tavolo.

– Chiunque fosse interessato all’acquisto, potrà prenotare il calendario entro venerdì 18 ottobre 2013 presso l’Ufficio U.R.P. (Ufficio Relazioni con il Pubblico) della Questura di Milano in via Fatebenefratelli 11, tel. 026226.5300 e 02.6226.5229, previa esibizione della ricevuta di versamento sul conto corrente postale dell’UNICEF nr. 745000 intestato a “Unicef Comitato Italiano” e indicando la causale “Calendario 2014 della Polizia di Stato per il progetto UNICEF nel Bangladesh – proteggere i bambini lavoratori e di strada”.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie, a partire da pochi euro.

S.P.

foto: poliziadistato.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here