Recensione “The Wolf of Wall Street”, umorismo inspiegabile

locandinaIl nuovo film di Martin Scorsese, tratto dall’autobioflgrafia di Jordan Belfort (interpretato da Leonardo Di Caprio), tratta con un particolare punto di vista le truffe di cui purtroppo l’alta finanza si è resa colpevole.

 

LA TRAMA – Jordan Belfort, giovane ed ambizioso broker entrato da poco nel mondo dorato di Wall Street, perde quasi subito il proprio impiego a causa di un pesante default economico.Forte comunque degli insegnamenti appresi dai suoi ex superiori in tema di cinismo e istigazione alla spregiudicatezza, decide di rimettersi in gioco, creando una società di brokeraggio smerciante penny stock, dall’operato fraudolento all’ennesima potenza. Per Belfort seguiranno, alla lunga, conseguenze drastiche, sia sul piano pubblico che personale.

 

GIUDIZIO – Il film vede un Leonardo Di Caprio autore di una discreta interpretazione nonostante il suo personaggio. Viste, infatti, le innumerevoli truffe commesse ai danni degli azionisti e della borsa, il ruolo, forse per il carisma e la fin troppo schiacciante mancanza di scrupoli, avrebbe meritato di essere interpretato da un attore più tagliato su ruoli ad hoc. Il film, sebbene si lasci vedere, tratta il tema delle truffe dell’alta finanza con esagerata superficialità e una accentuata vena al limite del comico.

– Per chi, in America come del resto in Italia, è rimasto defraudato dei propri soldi e risparmi di una vita, non risulta piacevole vedere i propri truffatori rappresentati come istrioni comici, suscitanti grasse risate.

– Da parte di Scorsese, l’argomento in questione avrebbe meritato ben altro tipo d’approccio: dalle frodi nascono illusioni che generano disperazioni e disgrazie per chi, come i poveri investitori, ne è a propria insaputa coinvolto.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci aredazione@cronacamilano.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacamilano.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

 

Leggi anche:

Recensione “Prank”, un’apprezzabile spirale senza ritorno

Recensione e trama “Still Life” di Umberto Pasolini: una pietas fuori “dal comune”

Recensione e trama “Dietro i candelabri”: una biografia senza filtri e senza veli

Recensione e trama “L’Evocazione: the conjuring”: un horror adrenalinico degno degli amanti del genere

Recensione “Guerra al Virus” di Roger Spottiswoode, la diffusione dell’Aids raccontata in chiave sociologico-politica

 Ugo Grassi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here