Lombardia: mutui e contributi regionali sulla prima casa

La Regione Lombardia si sta attivando con una serie di contributi ed incentivi sull’acquisto della prima casa; di seguito tutti i consigli

penOttenere l’indipendenza economica? Un passo fondamentale per cominciare a vivere la propria vita, a partire dall’acquisto di una casa. Avere un tetto sopra la testa è infatti la prima dimostrazione che, dopo una casa di proprietà, il resto sarà tutto in discesa. Purtroppo, il calo dell’occupazione e soprattutto il crollo dei contratti a tempo indeterminato ha reso l’acquisto di un immobile un’operazione sempre più complessa per i giovani: in Lombardia, però, la Regione si sta attivando con una serie di contributi ed incentivi sull’acquisto della prima casa. Per chi sta cercando casa a Bergamo, dunque, ecco che arriva la possibilità di poter sfruttare queste chance, ottenendo un abbattimento del mutuo del 2% per via dei contributi versati dalla Regione Lombardia. Vediamo dunque di approfondire il discorso.

Non solo contributi regionali: ecco le agevolazioni fiscali
Non solo contributi e agevolazioni fornite dalla Regione Lombardia, ma anche una serie di agevolazioni fiscali previste dal Mutuo Prima Casa: parliamo, nello specifico, delle detrazioni IRPEF sugli interessi passivi, pari al 19%. Ma quali sono le condizioni per accedere alle suddette agevolazioni? Innanzitutto la residenza in Italia, accompagnata dalla stipula di un mutuo entro e non oltre i dodici mesi precedenti all’acquisto dell’immobile. Inclusi nelle agevolazioni per il mutuo della prima casa, oltre all’abbattimento degli interessi passivi del 19%, troviamo anche le quote di rivalutazione e gli oneri accessori, che concorrono ad aumentare la consistenza del bonus ottenibile. Ovviamente, essendo diverso caso per caso, il conto del suddetto bonus potrebbe variare considerevolmente: per questo motivo, è consigliabile effettuare il calcolo della detrazione sugli interessi del mutuo sulla prima casa rivolgendovi a portali come mutuisupermarket.it, così da avere le idee più chiare sul vostro risparmio.

Detrazioni fiscali 2017: quali sono le novità?
Il nuovo 730 previsto dall’Agenzia delle Entrate per il 2017 include anche una serie di novità per quanto concerne le altre detrazioni fiscali. Innanzitutto potrete richiedere il premio per la produttività, per un importo non superiore a 4.000 euro e con un’agevolazione pari al 10% per quanto concerne l’aliquota. Inoltre, le detrazioni fiscali previste per il 2017 includono anche e soprattutto la deducibilità per quanto concerne l’acquisto dei mobili per la prima casa: le detrazioni del cosiddetto Bonus Mobili possono essere richieste solo entro un tetto di spesa di 10.000 euro, e si potrà anche richiedere una detrazione dell’IVA fino al 50%. Inoltre, per quanto riguarda la già citata detrazione degli interessi passivi, la percentuale rimarrà fissata in ogni caso al 19%. Infine, una delle più importanti novità introdotte nel 2017: se da un lato non è stata purtroppo confermata la detrazione per le giovani coppie under-35, dall’altro è stata introdotta la detrazione “Dopo di Noi”, rivolta alle persone disabili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here