Stipendio per le mamme: ecco di quanto sarebbe e perché

Altro che manager, dirigente e mega direttore: il mestiere più difficile del mondo è quello del genitore. Peccato che sia anche l’unico non retribuito. E se lo diventasse?

X-Gate - Sviluppo software e servizi

mammeReperibilità h24, mille doveri e momenti per se stessi pressoché inesistenti: chi accetterebbe un lavoro a queste condizioni? Certo, se la paga fosse a più e più zeri, forse.. purtroppo non è il caso delle mamme che, oltre a tutto il resto, non è raro che si sentano anche dire: “Beata te che sei sempre a casa.. potessi fare io la tua vita!”. E tanti saluti al sistema nervoso.
Per sfatare la faccenda,  un noto sito specializzato nella ricerca di professionisti in grado di risolvere ogni nostro problema, ha “monetizzato” ogni attività affrontata mediamente ogni giorno da una mamma, applicando i giusti tariffari per scoprire, quindi, a quanto ammonterebbe lo stipendio di una madre di famiglia, se questa fosse un’attività riconosciuta e retribuita.
Il risultato è strabiliante: circa 3.045 euro al mese. Netti.
Si inizia con i giusti riconoscimenti come autista privato: i figli, infatti, vengono accompagnati ogni giorno a scuola, attività extrascolastiche e immancabile vita sociale a misura di bimbo, con compleanni, feste e amichetti dai quali andare a giocare in settimana e nel weekend: la retribuzione oraria media, per questa professione, è pari a 13 euro l’ora.
Non dimentichiamo poi le nuove star del momento: gli Chef, in questo caso a domicilio, e ovviamente capaci di soddisfare ogni desiderio, anche diversificato in caso di gusti differenti da figlio a figlio. Volendo stare in un normale tariffario, qui il guadagno medio è di 30 euro l’ora.
Passiamo poi a lavanderia, stireria e pulizie: sono attività che impiegano circa 18 ore alla settimana e, in concomitanza di particolari occasioni, possono richiedere anche abilità ingegneristiche. Non è da tutti, ad esempio, riuscire a infilare in un unico bagaglio i vestiti di 4 persone (mamma, papà e due bambine, per dirne una), necessari per trascorrere tre giorni di vacanza all’estero con tutta la famiglia.
Da aggiungere a questo, ci sono poi le mansioni di personal shopper, che nel “mondo reale” costano mediamente ben 50 euro all’ora, e nella quotidianità di una mamma si estendono non solo ai vestiti, ma anche ai giocattoli, ai libri, ai corredini per il tempo libero, nonché ai regali di compleanno per tutti i 200 amichetti che gravitano attorno alla vita dei nostri pargoli, con tutto quanto ne deriva.
Infine, forse l’attività più importante: quella del life coach. Tradotto, una persona reperibile h24 e 365 giorni all’anno, da consultare per imparare a gestire ogni aspetto della propria vita, con risoluzione di problemi che spaziano in qualsiasi tipo di disagio ed emergenza, pratica o emotiva, almeno dagli 0 ai 18 anni, anche se in realtà molto di più (secondo questo studio, già solo tale voce potrebbe portare una retribuzione di 8.810 euro al mese, e non è stata inserita nel computo del totale).
Che dire, quindi, alle mamme (e alle mogli) di tutto il mondo? Almeno, Grazie. Perché come diceva William Ross Wallace, “La mano che fa dondolare la culla è la mano che regge il mondo”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO