Pneumatici invernali in estate: rischi, sanzioni, domande e breve guida con tutti i chiarimenti

Il 15 aprile è scaduto l'obbligo di circolare con pneumatici invernali; di seguito tutte le risposte ai dubbi degli automobilisti

polizia stradaleIl 15 aprile è scaduto l’obbligo di circolare con pneumatici invernali. Quali sanzioni si rischiano se non si cambiano le gomme termiche? È pericoloso per la propria sicurezza? Si risparmia veramente? Assieme al sito specializzato in pneumatici online https://www.gomme-auto.it/ abbiamo preparato una breve guida per chiarire quando è obbligatorio sostituirli e i rischi che si corrono a non farlo.
LA LEGGE – L’uso degli pneumatici invernali è regolato da varie ordinanze che stabiliscono il periodo in cui è obbligatorio montarli sulla vettura (dal 15 novembre al 15 aprile). Per quanto riguarda la sostituzione con gomme estive, una circolare ministeriale ha concesso un mese di tolleranza per procedere al cambio, che deve perciò avvenire entro il 15 maggio.
SE SI CIRCOLA NEL PERIODO ESTIVO CON PNEUMATICI INVERNALI, QUALI RISCHI SI CORRONO? – Innanzitutto occorre precisare che può risultare pericoloso guidare con pneumatici invernali durante il periodo estivo, a causa delle temperature elevate: con il caldo, la tenuta di strada e la frenata delle invernali peggiorano, e il consumo del battistrada aumenta notevolmente; inoltre il comfort di guida è inferiore a causa dell’elevata rumorosità delle invernali rispetto alle estive.
– Per quanto riguarda le possibili sanzioni, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha stabilito che non ci sono limiti temporali all’uso degli pneumatici invernali e che possono perciò essere utilizzati nel corso dell’intero anno. Tuttavia, occorre prestare attenzione al codice di velocità. Mentre in inverno è consentito montare gomme invernali con codici di velocità inferiori a quanto riportato sulla carta di circolazione, nel periodo estivo non è possibile viaggiare con pneumatici aventi un codice di velocità inferiore a quanto precisato  nella carta di circolazione. Perciò, se a partire dal 15 maggio si circola con gomme aventi un codice di velocità inferiore a quelle estive, si rischia una sanzione di 419,00 euro, il ritiro della carta di circolazione e l’obbligo di “visita e prova” presso una sede provinciale degli Uffici della Motorizzazione. Ma se il codice di velocità è uguale alle estive, è comunque possibile circolare con le invernali senza rischiare alcuna sanzione.
E PER GLI PNEUMATICI “M+S”? – Se durante il periodo estivo si montano pneumatici quattro stagioni o invernali contraddistinti dalla sigla “M+S”, si è in regola se l’indice di velocità è uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione per questi pneumatici, anche nel caso in cui risulti inferiore al codice di velocità di quelli estivi.
COSA SAPERE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO? – Spesso si decide di utilizzare pneumatici invernali usurati durante il periodo estivo per portarli al termine del loro ciclo di vita, e poi cambiarli all’inizio dell’inverno. Tuttavia, se durante il periodo estivo si usano pneumatici invernali usurati, si corrono più rischi.
– Se invece gli pneumatici invernali sono ancora nuovi, tenerli montati nel periodo estivo abbrevierà considerevolmente la loro durata. Infatti, se uno pneumatico invernale è utilizzato soltanto nel periodo invernale, avrà una durata di vita molto più lunga, anche molti anni se si rispettano alcune regole per il corretto stoccaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here