Laser per polverizzare calcoli renali in età pediatrica Policlinico Milano; info, medici e contatti

Donato al reparto di Urologia Pediatrica della Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano, permetterà di intervenire sui neonati, bambini e ragazzi fino ai 17 anni affetti da litiasi urinaria

X-Gate - Sviluppo software e servizi

incidentemediciospedaleLa tecnologia avveniristica laser per curare i bambini che soffrono di calcolosi renale delle vie urinarie e può offrire, grazie alla mini-invasività dell’intervento, risultati sempre più sicuri  e degenze ridotte. Questo grazie al laser ad Olmio, chiamato Litho, progettato e prodotto da un’azienda italiana tra i più importanti produttori mondiali di laser medicali, industriali e scientifici.
Il laser, donato dalla Fondazione Delle Piane al reparto di Urologia Pediatrica della Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano, permetterà di intervenire sui neonati, bambini e ragazzi fino ai 17 anni affetti da litiasi urinaria. La donazione è avvenuta anche grazie al supporto della  Società Urology Diagnostic del Gruppo Alliance Medical, leader in Europa nel settore della diagnostica per immagini e della distribuzione di tecnologie medicali complesse.
Attualmente al Policlinico di Milano sono seguiti circa 130 bambini di pazienti affetti da litiasi urinaria, numero che è andato aumentando progressivamente negli ultimi anni passando da circa 40 nel 2009 a 80 nel 2012. Tale progressione è stata riscontrata anche nel numero dei bambini che hanno necessitato di un intervento chirurgico per problematiche legate alla calcolosi urinaria, passando da 9 interventi nel 2010 a 35 nel 2015 e 2016.
“La litiasi urinaria  – afferma il Dottor Gianantonio Manzoni,  Direttore del reparto di Urologia Pediatrica del Policlinico – nonostante in età pediatrica sia considerato un evento raro, ha una incidenza  in continuo aumento. Negli Stati Uniti si stima circa 1 su 1000 ricoveri ospedalieri pediatrici, mentre uno studio europeo ha dimostrato che l’incidenza negli ultimi 10 anni sia aumentata del 60% passando da 50.000 a 80.000 casi per anno. L’aumento di incidenza di urolitiasi pediatrica è più evidente nella fascia di età inferiore ai 15 anni e rispetto all’adulto il tasso di recidiva è 5 volte più alto. I fattori che possono incidere nello sviluppo di calcoli urinari, oltre che la presenza di anomalie genito-urinarie,  sono anche una dieta non corretta,  fattori ambientali e cause infettive L’utilizzo del laser è già stato testato in diverse occasioni raggiungendo ottimi risultati. L’approccio endourologico e la frammentazione con il laser rappresenta una metodica mini-invasiva per i piccoli pazienti affetti da calcolosi urinaria, consentendo di eseguire tali interventi con minor rischi chirurgici e con una più veloce ripresa per i pazienti stessi”.
La Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano è uno dei pochi centri in Italia ad eseguire il trattamento chirurgico (sia con tecniche endourologiche che percutanee) di questa patologia anche in piccoli pazienti con età inferiore all’anno di vita. E’ stato ormai da anni istituito un ambulatorio dedicato multidisciplinare,  con i Colleghi della Nefrologia Pediatrica e Dietisti, per la diagnosi e la cura anche dal punto di vista metabolico di tali pazienti.

Contatti:
Dott. Gianantonio Manzoni: gianantonio.manzoni@policlinico.mi.it
Segreteria:
– 02 5503.8690
– 02 5503.2984
urologia_pediatrica@policlinico.mi.it

loading...