Afrikando sabato 12 febbraio, musica, buffet e balli per il progetto Pane Migrante

Sabato 12 febbraio si svolgerà la serata “Afrikando”.

 

L’evento presenta la possibilità di godere musica, balli e percussioni con il noto artista senegalese Modou Gueye, da sempre attivissimo nel campo dei progetti sociali, Balla Nar e il loro entusiasmante gruppo.

 

Il principale obbiettivo dell’iniziativa è quello di devolvere il ricavato degli ingressi (7 euro a persona),  in sostegno del progetto “Pane Migrante”.

 

E’ lo stesso Modou Gueye a raccontarci di cosa tratta il progetto e perché è nato:

 

“Molti sono i senegalesi che lasciano il proprio Paese per lavorare come panettieri in Italia”, inizia a spiegare Gueye, “e molti sono anche quelli che ritornano anche se, nel villaggio senegalese di Kelle, non c’è ancora alcun panificio.

 

“Con questo progetto,” prosegue l’artista, “si intende aprire una scuola di panificatori proprio a Kelle, per qualificare i giovani e per dar loro la possibilità di iniziare a produrre pane nella terra delle loro radici.

 

“E non si tratta di pane ‘qualunque’”, sottolinea Gueye, “ ma di ‘Pane Migrante’, nato cioè  dall’unione di saperi italiani e senegalesi.

 

“Tutti i migranti che si trovano Italia,” aggiunge ancora l’artista, “potranno quindi acquistare una tessera con la quale aiuteranno ad avviare l’attività e, proprio attraverso la tessera, i loro parenti a Kelle potranno ottenere, in cambio, il pane prodotto dalla scuola per panificatori.

 

“Grazie al progetto Pane Migrante, molti risultati importanti sono già stati realizzati”, ricorda Gueye, “ come ad esempio la costruzione di una scuola per panificatori nel villaggio di Kelle, la formazione, in Italia, presso il Panificio Pugliese, di 3 senegalesi che si recheranno al villaggio per insegnare a loro volta sul luogo, la formazione di 10 giovani senegalesi a Kelle e la produzione di pane per i 1500 abitanti del villaggio.

 

“Certo il lavoro da fare è ancora tanto,” conclude Modou Gueye, “ma non ci stancheremo di proseguire nel cammino intrapreso avvalendoci non solo del grande cuore delle singole persone, ma anche dell’aiuto e della fiducia riposti per l’iniziativa dalle Istituzioni, tasselli fondamentali per progredire in un sentiero di solidarietà che, mattone dopo mattone, inizia in Italia e arriva fino in Senegal”.

 

Afrikando, 12 febbraio 2011 ore 21,00

  • Via Moncalieri 5, ang, via Suzzani 88 (tram 5, bus 42,86)
  • Tel: 338-11-85.009 oppure 320-41.77.369
  • DJ Resident, DJ Iba Afroroot, DJ Jahga Riddim
  • Buffet senegalese
  • Ingresso: 7 euro
  • info@sunugal.it
  • www.sunugal.it

 

Leggi anche:

Solidarietà ed impegno sociale, “Ventieventi” Colonne San Lorenzo, intervista a Modou Gueye


Valentina Pirovano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here