Mostra Savinio Milano Palazzo Reale 25 febbraio-12 giugno, tutte le info

Dopo trent’anni di assenza Alberto Savinio torna a Milano, a Palazzo Reale, con una mostra antologica per celebrare  l’opera di un artista raffinato e poliedrico: “Alberto Savinio. La commedia dell’arte”.

 

LE 100 OPERE DEL TRATELLO DI DE CHIRICO – Fratello di Giorgio de Chirico, Savinio (1891-1952) ha attraversato tutta la prima metà del XX secolo, caratterizzandola in maniera originale e anticipando il postmoderno nelle arti, dalla letteratura alla pittura. La mostra ha il sostegno dell’Archivio Savinio di Roma e presenta oltre 100 opere, di cui 10 inedite.

 

LE 5 SEZIONI DELLA MOSTRA E LA VOCE DI TONI SERVILLO

  • L’esposizione, curata da Vincenzo Trione, è divisa in cinque sezioni ed è accompagnata, in apertura e chiusura, dalla voce di Toni Servillo, che legge una selezione di testi saviniani dedicati all’arte e al teatro.
  • Ogni sezione è introdotta da testi di scrittori: Paola Capriolo, Emanuele Trevi, Tiziano Scarpa, Edoardo Albinati, Giuseppe Montesano.

 

IL “CODICE SAVINIO” – La mostra vuol individuare il codice-Savinio: pur restando sempre dentro la cornice del quadro, Savinio apre infatti la pittura a continue contaminazioni, attraverso linguaggi quali il mito, la letteratura, l’architettura, la musica, le arti applicate, il teatro. Un autore rinascimentale e pre-postmoderno.

 

IL COMMENTO DEL CURATORE VINCENZO TRIONE – “Savinio – spiega Vincenzo Trione – è un affascinante e inestricabile caso. Egli appartiene fino in fondo alla tempesta culturale del XX secolo: il suo immaginario è influenzato dalle investigazioni surrealiste intorno alla dimensione dell’inconscio e alla rivelazione dell’onirico. Appartiene, però, anche al futuro. È un pittore che compie esercizi legati alla tradizione della figuratività italiana: guarda alla dimensione del mito, apportando su questo materiale trasgressioni iconografiche. Ed è pure proiettato verso costellazioni profetiche: è regista di fantasticherie fatte di mostri assurdi, dalle sembianze umane e animali insieme, le cui caratteristiche fanno pensare ai mutanti che riempiono i romanzi di fantascienza”.

 

L’ALLESTIMENTO E IL COMITATO SCIENTIFICO CON GILLO DORFLES

  • L’allestimento, a cura dello Studio AR.CH.IT  Luca Cipelletti e Associati, recupera il tema della finestra e del “guardare attraverso”: le prospettive e i coni ottici distorti e ruotati, ricorrenti nel repertorio di Savinio, prendono corpo in questo vero e proprio spettacolo, coinvolgendo e rendendo protagonista lo spettatore della mostra.
  • Il comitato scientifico è composto da Gabriella Belli, Jean Clair, Gillo Dorfles, Paola Italia, Alessandro Tinterri,  Didier Ottinger e Vincenzo Trione.
  • La mostra è accompagnata da un ampio catalogo che contiene saggi di Trione, Dorfles, Roberto Calasso, Paola Italia, Alessandro Tinterri e Nicoletta Cardano.

 

 

LE SEZIONI DELLA MOSTRA


1.   Miti dipinti

  • La mostra si apre con la sezione dedicata al rapporto con il mito: rovine, templi antichi, statue e leggende sono la grammatica con cui Savinio rappresenta lo “spirito moderno”.
  • Tracce che rinviano a una Grecia “portatile e nei modelli più alti tascabile”.
  • Schegge che consentono di “intelligere la vita nel modo più acuto e assieme più ‘frivolo’”.
  • Sono “dèi leggeri” quelli che si rivelano nell’universo saviniano, impegnato in operazioni ordinarie come Hermes il portalettere.
  • Si tratta di presenze tangibili, in bilico fra burla e tragedia. Numi straniati o deformati, magari ingolfati in abiti borghesi, sovente affacciati verso terre lontane.
  • Tra le opere esposte in questo capitolo: “Battaglia dei centauri” (1930), “In visita” e “Penelope” (1930). Queste ultime tele fanno parte del ciclo “Canto d’amore”, dove personaggi animaleschi imperturbabili indossano abiti borghesi in scenografie sontuose.

 

2.   Letterature dipinte

  • L’artista elabora una personalissima cartografia divagando nei territori della letteratura.
  • Ritrae poeti, filosofi e muse, per sottolineare il legame indissolubile tra opera scritta e dipinta.
  • Tra i quadri esposti: “Il sogno del poeta” (1927), “I filosofi” (1927).
  • Rilevante l’omaggio ad Apollinaire (1927), il nume tutelare dei fratelli de Chirico negli anni parigini, dove si riprendono i tratti di un volto femminile romano del Fayyu’m.

3.   Architetture dipinte

  • Savinio si accosta all’architettura, saldando monumentalità e giocosità: assembla blocchi cromaticamente molto vivaci, che precipitano obliqui verso il primo piano.
  • Sono scatole poste di traverso, aperture spaziali stranianti nel proporre inattesi dialoghi tra spazi interni e spazi esterni.
  • Mondi sospesi, tra continui affioramenti e citazioni tratte dal mondo classico, con frequenti richiami dechirichiani.
  • In questa sezione “La partenza degli Argonauti” (1925-1926); “Fiori stranieri” (1928);
  • “Oggetti abbandonati nella foresta” (1928) dove l’artista-fanciullo trasforma gli oggetti in giocattoli, strumenti dell’immaginazione costruttiva e creativa;
  • “Nascita di Venere” (1950) in cui l’architettura diventa scenario di un confronto drammatico tra territori celesti e territori terreni.

 

4.   Oggetti dipinti

  • La quarta sezione, dedicata alle sperimentazioni nell’ambito delle arti applicate, presenta l’onnivora curiosità di Savinio, il quale si mette alla prova in molte discipline.
  • Esplora la musica, come compositore ed esecutore; si impegna nel teatro, come autore di complesse messinscene. Scrittore prolifico, critico d’arte e letterario, disegna anche schizzi per tessuti, arazzi e tappeti; produce mosaici e mattonelle in maiolica.
  • Tra i lavori esposti, bozzetti per stoffe, abiti, mosaici e le fotografie dell’intervento realizzato da Savinio per Villa Malaparte a Capri (una mattonella raffigurante una lira classica).

5.   Scenografie dipinte

  • Il rapporto con il teatro è un tema costante nella ricerca saviniana, come emerge dai continui riferimenti “spettacolari” che caratterizzano i suoi quadri, e come emerge dalle costruzioni “spettacolari”, frutto soprattutto della collaborazione con il Teatro alla Scala di Milano.
  • Per la Scala Savinio realizza, tra il 1948 e il 1951, quattro spettacoli in qualità di scenografo, costumista e, in alcuni casi, regista: Oedipus rex (1948); I racconti di Hoffmann (1949); l’Uccello di fuoco (1950) e Vita dell’uomo (1951). Oltre ad Alcesti di Samuele, che nel 1950 è rappresentato al Piccolo Teatro con la regia di Giorgio Streher.
  • Importante anche la collaborazione con il Teatro del Maggio Fiorentino.
  • In questo capitolo sono raccolti i bozzetti delle opere eseguite per la Scala.

 

 

“Alberto Savinio. La commedia dell’arte”

  • Palazzo Reale, Piazza del Duomo, 12
  • Periodo: 25 febbraio – 12 giugno 2011
  • Telefono: 02-87.56.72

 

Orari:

  • lunedì 14.30 – 19.30
  • martedì – domenica 9.30 – 19.30
  • giovedì e sabato 9.30 – 22.30

 

Biglietti e prenotazioni:

  • La biglietteria chiude un’ora prima
  • Telefono: 02-54.915
  • Ingresso intero € 9,00
  • ridotto € 7,50
  • ridotto speciale € 4,50
  • Visite guidate visite guidate per scolaresche € 65
  • visite guidate per gruppi organizzati € 90
  • visite guidate per scolaresche in lingua inglese o francese € 85
  • visite guidate per gruppi organizzati in lingua inglese o francese € 110

 

Leggi anche:

Mostra Caravaggio Milano aperta fino 13 marzo, Palazzo della Ragione

Mostra Bio Modulazioni – suono, biologia, mito, 26 febbraio 2011 – 19 marzo 2011

Conferenze gratuite Michelangelo Castello Sforzesco, programma febbraio – marzo 2011

Mostra fotografica Napoleone III e l’Italia, Museo del Risorgimento, programma 8 febbraio – 10 aprile 2011

Film gratis Istituto Cervantes Milano, programma 27 gennaio – 7 aprile 2011

Settimana della moda Milano, eventi 23 febbraio 1 marzo 2011 Milano Loves Fashion

Moda Milano Galleria Vittorio Emanuele 2011, eventi, sfilate, performance, interviste e linee junior 23 – 27 febbraio, orari e dettagli

Comici Colorado Forum Assago Milano gratis, prenotazione per Doctor Show 5 marzo 2011

Carnemvale Milano 12 marzo 2011, concerto Elio Pala Sesto e ballo in maschera via Mecenate, tutte le info

Carnevale di Cantù 27 febbraio, 6 e 12 marzo 2011, sfilata dei carri e divertimento per tutti

Scambio libri Milano Bookswap, teatro Grassi 6 marzo 2011


Di Redazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here